Itinerari della lavanda in Provenza, 3 giorni immersi nel viola

Percorrere gli itinerari della lavanda era da tempo tra i miei sogni.

I più belli e famosi si trovano in Provenza dove, in particolare nella zona di Valensole, vi troverete a camminare per chilometri tra distese purpuree ed ogni tanto, qualche campo di girasole.

L’itinerario che ho organizzato è un connubio tra la visita dei campi di lavanda ed i più bei villaggi arroccati dell’alta Provenza, che spesso offrono una vista spettacolare e tramonti indimenticabili.

I colori che vedrete in questa particolare zona della Francia, vi rimarranno davvero negli occhi e nel cuore per lungo tempo.

Itinerario della lavanda nei pressi di Sault

L’idea originale era quella di recarci fino ad Aurel, ma le strade qui sono tutte di montagna e ci vuole del tempo anche se i posti non distano tanto fra loro.

Questa zona è più alta rispetto alle altre, quindi la lavanda rimane fiorita anche fino ai primi d’agosto.

Soggiornando a Venasque, la strada che abbiamo fatto è quella evidenziata nella mappa:

Ingranditela per vedere i nomi delle strade.

Lungo queste strade provinciali, spesso anche strette, troverete già i primi campi di lavanda. Il 5 luglio era ancora bassa e questo conferma il fatto che qui la fioritura sia indietro rispetto ad altre zone.

Era un mercoledì, giorno di mercato e, visto il periodo di piena fioritura, tanti erano i banchi che vendevano mazzi di lavanda, olii essenziali, mieli, e sacchettini profumati.

La cittadina di Sault, vista durante questa occasione, è davvero molto graziosa ed ha un notevole belvedere, da cui ammirare i  vari campi in fiore. Merita una visita a prescindere dal mercato, che comunque non è strettamente legato alla lavanda.

itinerario lavanda sault provenza

Ripartendo dal paese ci siamo diretti verso Lagarde d’Apt, che in realtà è solo il punto d’inizio di un percorso di circa 2 km tra i campi di lavanda. C’è anche una chiesa e qualche casa, forse anche una distilleria di lavanda ma nulla più. Quando arriverete, troverete un grande parcheggio con una mappa. Lì capirete dove siete e dove dovete recarvi.

Noi abbiamo percorso solo una parte di una strada sterrata, dove c’erano alcuni campi di lavanda, niente comunque di particolarmente interessante. Può darsi che dovessimo ulteriormente inoltrarci per il sentiero.

Abbiamo quindi proseguito per il grazioso paese di Saint-Saturnin lés Apt, che vi consiglio di visitare anche se abbastanza piccolino, per poi fermarci per un pranzo veloce ad Apt.

Quest’ultimo è un paese più grande, con diversi ristoranti, bar ed una via commerciale con negozi internazionali e locali. I francesi hanno un modo di allestire le vetrine che è speciale.

apt provenza

Il mercato qui si tiene il sabato mattina e sarebbe proprio da vedere in quanto diversi banchi vendono le ciliegie candite, un prodotto molto amato perché proprio qui ha sede la fabbrica di canditi più grande al Mondo!

Ah se vi fermate in una pasticceria, assaggiate la pasta ‘tropezienne’, una specie di bombolone farcito con crema pasticcera e crema chantilly…potete tranquillamente pranzarci, visto le dimensioni e le calorie!!

Visto il gran caldo siamo rientrati nella nostra chambre d’hotes, di cui vi parlerò alla fine, per rilassarci e rinfrescarci un paio d’ore.

Nel pomeriggio ci siamo recati a Roussillon per vedere il ‘Sentiero delle Ocre’, ma anche di questo parlerò nel prossimo post.

Vorrei solo annotare che, lungo la strada che da Roussillon porta al piccolo – e per me sconosciuto – paese di Goult, abbiamo visto alcuni campi di lavanda davvero belli e ben tenuti, senza troppe erbacce di mezzo.

La strada è questa ossia la D104:

e questi sono i campi 😀

campo lavanda roussillon provenza

Itinerario della lavanda tra Gordes e Bonnieux

Il nostro secondo giorno comincia sempre con una lauta colazione alla nostra amata chambre d’hotes.

Oggi il programma ci porterà a visitare i famosi campi di fronte alla scenografica Abbazia di Senanque, per poi continuare con la visita di Gordes, Bonnieux per finire a Lourmarin.

Non parlerò dei paesi, che saranno protagonisti di un altro post, ma dei campi visti lungo il percorso.

Quelli nei pressi e di fronte Senanque, nonostante il periodo e la stagione avanzata, non li ho trovati particolarmente belli.

Erano più bassi e meno folti di altri, ed anche il colore della lavanda era più spento. Non essendo un’intenditrice, può essere che fosse una qualità differente o semplicemente il tutto fosse dovuto alla maturazione del fiore, ancora indietro.

In tutti i casi, la location è davvero superlativa, sicuramente tra le più belle della regione. Non si può recarsi in Provenza e non passare da qui, a prescindere.

campi di lavanda senanque provenza

Oltre le api, calabroni, cavallette, lumachine ed altri insetti costantemente sui fiori – ecco, vi dirò che fare le foto in mezzo ai filari durante il giorno è stato alquanto difficile per me – tante, anzi tantissime sono le farfalle! Arancioni, nere, gialle, bianche….stupende! E riesci anche a fotografarle da vicino perché sono talmente impegnate in quello che fanno che si spostano a fatica! Davvero una meraviglia!

A 10 minuti d’auto si trova il pittoresco paesino di Gordes, dove recarsi al tramonto, per via della sua collocazione arroccata. Anche da qui, una splendida vista sui campi circostanti.

Da Gordes siamo andati a Bonnieux, da dove partono sentieri per alcuni dei più bei campi di lavanda sul plateau de Claparedes, che parzialmente abbiamo visto il giorno seguente. So che si possono anche noleggiare bici elettriche, ma noi non ci siamo informati.

Sulla strada tra i due paesi abbiamo incrociato dei bellissimi campi. La strada è questa:

Tra l’altro, da qui, come vedete, si affianca anche il piccolo borgo di Lacoste. Noi ci siamo accontentati di vederlo da lontano.

I 35 gradi che ci hanno accompagnato ogni santo giorno, ci hanno costretto a fare delle scelte.

Per fortuna che c’era una forte escursione fra il giorno e la notte così, fino alle 11 del mattino, la temperatura era sopportabile e la notte si dormiva con il fresco.

Itinerario della lavanda tra Les Agnels e Saignon – Plateau de Claparédes

Il penultimo giorno è stato quello che ci ha portato a visitare ‘il tempio’ della lavanda, ossia Valensole.

Prima di arrivarci però, abbiamo fatto alcune soste, cercando di percorrere sempre strade affiancate dai nostri splendidi campi purpurei.

E così, partendo da Venasque siamo arrivati a Les Agnels, dove vi è una delle più importanti distillerie della regione. Pensavo che i prezzi fossero più economici, invece è molto meglio comprare i prodotti ai mercati cittadini…’sapevatelo’ 🙂

Comunque ormai eravamo lì, nel bel mezzo delle montagne dell’Alta Provenza e così abbiamo comprato qualche sacchetto, olii per il corpo ed il miele alla lavanda.

Usciti, mi sono soffermata una manciata di minuti su di una splendida farfalla innamorata di un grande cespuglio di lavanda…bellissima!!

Poi siamo ripartiti alla volta di Saignon, un paese davvero pittoresco, dove troverete pittori provetti e non cimentarsi nel dipinto di qualche scorcio suggestivo.

Lungo questa strada, che è poi quella che attraversa il Plateau de Claparédes, troverete diversi campi. La fioritura in genere raggiunge il culmine verso fine luglio, primi d’agosto.

La strada comunque partirebbe da Bonnieux, ma essendo stati al paese il giorno prima abbiamo tagliato un pezzo di percorso, anche perché, diciamolo, sono tutte strade di montagna, con panorami mozzafiato, ma spesso molto strette.

Mettendo in conto che i locali vanno come matti, insomma, bisogna tenere gli occhi molto bene aperti.

Ecco il percorso, includendo anche Bonnieux, per chi volesse partire da lì, in blu, in rosa quello che invece abbiamo fatto noi:

mappa itinerario lavanda plateau claparedes

Itinerario della lavanda sul plateau de Valensole. Quali sono le strade da percorrere?

Ebbene ci siamo. L’abbiamo tenuto per ultimo perché sapevamo che sarebbe stato il più bello, perché sapevamo che saremmo rimasti delusi se lo avessimo visto prima di tutti gli altri. Ed infatti è STUPENDO!

Sterminati campi di lavanda inframezzati da campi di grano color dell’oro e girasoli gialli gialli. Eh qui di gente ne troverete, addirittura pullman di turisti o super fotografi giapponesi con tanto di droni per riprese dall’alto.

Però, se non rimarrete legati a quei campi più fotografati, davvero perfetti, troverete comunque distese enormi di lavanda senza nessuno o quasi. Campi infiniti tutti per voi, dove divertirvi a fare le foto più disparate, stile Vogue o stile scemo, come quelle che ho fatto io :-D.

Il momento migliore per fotografare, ma questo un po’ ovunque, è l’alba oppure il tramonto. Noi abbiamo optato per la seconda scelta…non avevo certo voglia di alzarmi alle 5 del mattino….seee…un pigrona come me….però il risultato è stato davvero appagante…proud of me!

Di seguito, nella mappa, evidenzio dove eravamo noi con la nostra chambre d’hotes, completamente immersi tra grano e lavanda, ed anche quali sono le strade più belle e gettonate per scattare stupende foto.

mappa strada lavanda valensole

Una delle più famose è scattata in corrispondenza delle distillerie Angelvin. Non potrete sbagliarvi, visto le comitive di giapponesi e le macchine comunque parcheggiate.

Ed al tramonto mi hanno detto che c’erano almeno un’ottantina di persone…

Comunque, per farla breve, le strade D6, D8, D56 e D15 sono tutte valide. Noi sulla D6 abbiamo trovato anche immensi campi di girasole e molti di lavanda già tagliati…quest’anno la stagione era un po’ in anticipo…ma anche i campi tagliati hanno un loro fascino.

Sono stati 4 giorni intensi, quelli passati qui in Provenza, ma assolutamente emozionanti. A parte il fatto che io amo la Francia più di ogni altro Paese, eccetto l’Italia, so già che ci tornerò, per vedere ciò che ho tralasciato, soprattutto nella parte più bassa della regione, dove i paesaggi sono più dolci e dove trovare paesini pittoreschi, come quelli che piacciono a me.

Ah, ma a breve sarà pronto anche l’altro articolo sui villaggi arroccati…stay tuned, mi raccomando!

dove dormire in Provenza vicino ai campi di lavanda

Chambre d’hotes La Cigaliére, Venasque

Questa antica dimora, con anche una bella piscina, si trova alle porte del grazioso paese di Venasque da cui dista appena 5 min d’auto.

plateau valensoleCi siamo trovati molto bene, sia per la pulizia della camera, che per il silenzio, che per la colazione ed il prezzo, € 83,00 a notte con colazione ed uso piscina.

A circa 20 min d’auto raggiungerete Gordes e Senanque, 30 min per Sault ed altrettanti per Roussillon.

L’ultima notte invece ci siamo spostati proprio sull’altopiano di Valensole. Cercavo una struttura che mi permettesse di godere del tramonto in quei luoghi magici.

Un po’ in extremis ho trovato una camera presso la chambre d’hotes La Guérine, proprio immersa tra campi di grano e lavanda. Perfetta. Costo con piscina e colazione € 115,00.

La camera era un po’ buia, ma fresca e spaziosa, lenzuola pulite, ma un po’ di polvere. La colazione buona, ma molto informale in un tavolone con gli altri ospiti.

Io non sono molto amante di queste cose, ma in tale occasione ho avuto modo di conoscere due italiani amanti di fotografia, con cui scambiare 4 chiacchere e qualche consiglio sui posti migliori della lavanda, che vi ho riportato sopra.

Anche se i più bei campi fioriscono tra metà giugno e metà luglio, ricordo che la parte di alta Provenza che comprende Sault e la Dromme, fioriscono fino verso la metà di agosto.

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *