Orta San Giulio è un piccolo ed incantevole paese sulle rive del lago omonimo,

il quale è considerato il più romantico d’Italia. Si trova in Piemonte, ad ovest del più grande e famoso Lago Maggiore.

Orta San Giulio, famoso anche per la presenza di Villa Crespi ed il ristorante dello chef Antonino Cannavacciuolo, è davvero una perla, incorniciato com’è da uno splendido scenario naturale. In mezzo al lago, la graziosa Isola di San Giulio, raggiungibile in 5 minuti di barca.

Cosa vedere ad Orta San Giulio – un giorno

Approfittando delle stupende giornate novembrine che ci sono state regalate quest’anno, abbiamo deciso di fare una toccata e fuga partendo il mattino presto da Modena.

I colori autunnali hanno dipinto il paesaggio di giallo ed arancione ed il sole ha contribuito a farli brillare ancora di più.

Passeggiare per il borgo è meraviglioso e tanti sono gli scorci suggestivi per chi, come me, ama fare fotografie.
La piccola isola di San Giulio con il suo monastero è raggiungibile ogni mezz’ora dal molo della grande piazza principale. Giusto 5 minuti di navigazione (€ 4,50 a/r).
Noi abbiamo fatto a piedi il periplo dell’isola, dalla quale non si vede, come invece speravo, la terraferma, perchè circondata quasi interamente da mura ed edifici con accesso privato al lago.

Sono davvero radi i punti che sfociano sul lago, e questo mi ha deluso un po’. Inoltre, essendo bassa stagione, i pochi locali presenti erano già chiusi. Pazienza.

Orta San Giulio, cosa vedere nei dintorni

Attaccato a San Giulio si trova il piccolissimo centro di Legro, famoso per le sue case dipinte. E’ davvero minuscolo e bastano 20 minuti per girarlo tutto, ma merita una visita.

Visto che avevamo ancora tempo ed il sole era ancora abbastanza alto, ci siamo spostati nelle vicina Pettenasco, dove abbiamo fatto una bella passeggiata sul lago in mezzo ai colori della natura. Lo scenario era perfetto, le acque placide, il sole a filo sui monti e le barche tirate in secca, davano un senso di pace e tranquillità.

Non abbiamo visto il paese, anche se mi è sembrato che sia principalmente una zona residenziale, con ville da sogno affacciate sul lago.

 

 

Verso sera, sono voluta tornare al paese di Orta, per vedere l’isola che si illuminava. Speravo che si accendessero anche gli eleganti lampioni su lago, ma purtroppo così non è stato.

E’ stata davvero una bella giornata, con il cielo terso ed un sole caldo da fare invidia al mese di maggio.

 

Orta San Giulio come arrivare

Arrivare al lago d’Orta è molto semplice, perchè è tutta autostrada fino al paese di Arona, vicino al lago Maggiore.
Di seguito il link del percorso che noi abbiamo fatto, da Modena ad Orta San Giulio

Dove mangiare

Visto la giornata fantastica abbiamo deciso di mangiare all’aperto con vista lago. Ci siamo trovati molto bene al ristorante Venus, anche se la posizione la paghi. Ho letto giudizi contrastanti sul web. A mio avviso, visto che il menù è esposto, mi sembra inutile arrabbiarsi per gli alti prezzi.Per me il servizio è stato buono e gli ingredienti di qualità.

Non dimentichiamo che in loco c’è il famoso hotel Villa Crespi, che ospita al suo interno il ristorante gestito dal noto chef  Antonino Cannavacciuolo…noi all’epoca non lo sapevamo, ma penso che non ci saremmo andati comunque…fuori budget per il nostro portafoglio!

Dove dormire

Non abbiamo dormito in zona perchè abbiamo fatto il viaggio in giornata (e senza figlio ;-)).

Inizialmente però l’idea era diversa ed avevo prenotato una tripla tramite il sito booking.com all’hotel Battle of Britain, in posizione panoramica, a pochi chilometri da Orta. Il costo sarebbe stato di € 65,00 con colazione, quindi buono ed i giudizi dei clienti lo sono altrettanto.

Dove parcheggiare gratis ad Orta San Giulio

Il paese è quasi tutto pedonale e l’auto viene parcheggiata al di fuori. Il costo è di € 2,00 all’ora.
Se però parcheggiate nella prima parte, quella sopraelevata rispetto all’entrata, ecco lì è gratuito. Pochi lo sanno, a me per puro caso l’hanno detto altri turisti incontrati sul posto. Un bel risparmio direi!

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *