Come arrivare a Cala Coticcio, Caprera

Cala Coticcio è un posto indescrivibile, unico nel nostro Mediterraneo.

Visto che non tutti conoscono questo paradiso e nemmeno sanno come raggiungerlo, ho pensato di scrivere questo articolo per spiegare come arrivare a Cala Coticcio, sull’isola di Caprera.

Conosciuta anche come Tahiti, questa spiaggia non è facilmente raggiungibile.

Per prima cosa bisogna raggiungere l’isola della Maddalena, nel nord della Sardegna, con i traghetti in partenza da Palau.

A proposito, della Maddalena ne parlo qui:

La Maddalena e Caprera. Le spiagge più belle del Mediterraneo

Un istmo di terra collega l’isola alla più piccola ma, a mio avviso più bella, Caprera.

Quindi se avete l’auto, siete già avvantaggiati. Io per esempio ho visitato Cala Coticcio, soggiornando 10 giorni alla Maddalena.

Come arrivare a Cala Coticcio via terra

cala coticcio come arrivare

La maggior parte delle persone la raggiunge via mare, ma con gran fatica è possibile raggiungerla anche via terra tramite un percorso scavato tra rocce e siepi sui monti dell’isola.

Il percorso in auto che dovrete fare sarà quello per arrivare al Museo di Garibaldi, detto Museo Garibaldino, per poi prendere per Batterie Arbuticci.

Al successivo incrocio dovete andare a sx e poi nuovamente dritto, superando la biforcazione per Cala Brigantina (molto bella, ma non vista purtroppo).

Passate un parcheggio, sulla vostra destra, che è quello da cui parte un altro sentiero sempre per Cala Brigantina. Continuate ad andare dritto, fino a quando non arriverete ad uno sterrato leggermente sopra elevato. Ecco, l’auto dovrete lasciarla qui.

Vi lascio la mappa per arrivare a Cala Coticcio in auto dalla Puntarella al parcheggio e poi il percorso a piedi (c’è scritto 22 minuti, ma sono di più).

Vi conviene impostare il navigatore quando siete in un punto di buona ricezione.

Il sentiero è segnalato un po’ alla bene meglio e non vi nego che a volte sono andata più ad intuito che altro.

come arrivare a cala coticcioAlcune persone addirittura tornavano indietro scoraggiate. Ho letto su altri siti però che ora il percorso è segnalato meglio, quindi farete sicuramente meno fatica di quanta ne abbia fatta io.

Comunque, io sono voluta andare da sola (mio marito è rimasto con mio figlio che allora aveva 5 anni), forse ho un po’ osato, ma alla fine posso dire che lo rifarei tranquillamente altre volte.

D’obbligo scarpe da ginnastica e, possibilmente pantaloni lunghi. Sconsigliatissimo farlo con bimbi piccoli. Portatevi da bere.

Durante il percorso (di ca. 40 min) il cellulare non prende ed un tratto del sentiero è veramente brutto, ma con prudenza ci si riesce senza grossi problemi.

Nella zona troverete due cale.

La prima, quella in cui finisce il sentiero, è la più grande e prende il nome di Cala Bianca. Semplicemente meravigliosa.

caprera cala coticcio tahiti

La sabbia è rosa ed il mare verde smeraldo, ma tenue…purtroppo la grandezza della spiaggia dipende dalle mareggiate avvenute nei mesi invernali, quindi è impossibile stabilire a priori quanta gente possa ospitare.

Nel mio caso, il mare mi dissero essersi ‘mangiato’ una bella fetta di spiaggia.

Il contesto è comunque di una bellezza incredibile, con questi grandi massi rosa che contornano la piccola baia.

Ricordate però che per arrivare a Cala Coticcio, mancano ancora 5 minuti di cammino quindi, quando vi sarete giustamente rilassati su Cala Bianca, salite sugli scogli alla sx della spiaggia.

E direte: il paradiso esiste!!

cala coticcio tahiti isola caprera

Siete arrivati a Tahiti. La foto che allego spero che renda almeno la metà della bellezza del posto. Una delle spiagge più belle che io abbia mai visto.

Lo scenario è stupefacente.

La spiaggia nel mio caso era davvero un fazzoletto, già 10 persone erano tante, ma a Cala Coticcio si viene principalmente per godere di un posto dalla bellezza straordinaria, con un acqua turchese come poche se ne vedono, con enormi massi granitici che punteggiano il mare, creando delle romantiche piscine naturali.

E’ un luogo sorprendente, non riesco a togliermelo dal cuore e dalla mente.

Spero davvero di poterci tornare con mio marito e volendo, anche mio figlio, che ormai è adolescente.

Evidentemente sempre più persone stanno scoprendo come arrivare a Cala Coticcio via terra, perchè in alta stagione potreste trovare anche il parcheggio pieno.

Quasi non ci credevo, in quanto essendoci stata diversi anni fa, tra l’altro a fine giugno, io ho trovato giusto 4/5 macchine e ben poche barche all’orizzonte…era davvero un paradiso…e spero che almeno al di fuori dei mesi estivi centrali lo sia ancora.

Per chi volesse raggiungerla in barca, si sinceri sulle leggi da rispettare. Io sapevo che gommoni ed altri natanti non potevano avvicinarsi alla riva a motore acceso per almeno 200 mt, che si riducono a 50 a motore spento.

Purtroppo, mi dispiace constatare che alcuni se ne infischiano allegramente di queste imposizioni. Per fortuna la guardia costiera è abbastanza solerte.

2 Comments

  1. Dani ha detto:

    Che belle foto. E che mare… viene voglia di farci subito un tuffo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Translate »