Se soggiorni a Monaco, puoi recarti anche:

Monaco di Baviera, la città più importante di questa affascinante regione tedesca,

offre tanto a qualsiasi tipo di viaggiatore. Sotto Natale poi, viene elegantemente addobbata e l’atmosfera che si vive è talmente intensa che anche noi adulti ci ritroviamo con un grande lecca lecca colorato in mano, mentre sgraniamo gli occhi davanti all’enorme albero di Natale della Piazza del Municipio.
2 giorni per visitare la capitale bavarese sono pochi, ma sufficienti per capire quante cose ha da offrire.

Monaco di Baviera, cosa vedere in 2 giorni

Innanzitutto la metropolitana è estremamente capillare, puntuale e pulita.
Noi alloggiavamo poco distanti dal centro, ed al massimo in 15 minuti eravamo in Marienplatz, che è il cuore pulsante della città.

A dicembre, fino al 24, potrete visitare il bel mercatino di Natale (sconsigliato al sabato, meglio la domenica nel tardo pomeriggio), che ospita bancarelle con articoli natalizi e prodotti gastronomici locali, come i bradwurst, i waffel, le fantastiche frittelle di mele o ancora cuori di cioccolata con sopra frasi in lingua tedesca che solo in parte sono riuscita a capire.
I mercatini sono diversi, quello in Marienplatz è il più grande, ma le bancarelle si dislocano anche lunga l’elegante Kaufingerstrasse, fino a Karlsplatz. Lungo la strada incontrerete le cupole a cipolla della Frauenkirche, ossia il Dom, che purtroppo in questo periodo è in restauro.

Molto più piccolo, grazioso e un po’ meno inflazionato è il mercatino all’interno della Residenz, lungo Residentstrasse, del quale vi consiglio la visita.

Cliccando qui, troverete la lista completa dei mercatini di Monaco nel 2015, che comunque non si differenzieranno particolarmente da quelli del prossimo anno.
Alcuni sono già finiti, altri proseguono anche fino al 28 dicembre.
Nei 2 giorni a nostra disposizione, abbiamo camminato nel cuore della città, soffermandoci nell’ammirare in Neues Rathaus, l’Altes Rathaus (entrambi su Marienplatz), ed il grande albero di Natale che è il protagonista indiscusso della piazza durante le feste.

E’ meraviglioso vedere la città illuminata a festa, bella di giorno, con il sole e temperature gradevoli e più bella la sera, quando le luci si accendono e tutto cambia volto.

Mi è piaciuta in particolar modo la zona intorno alla famosa birreria Hofbräuhaus. La piazza su cui si affaccia è splendida, incorniciata da palazzi eleganti e locali rinomati.

Un appunto sulla birreria: merita assolutamente una visita in quanto palazzo storico, famoso per essere il luogo di uno dei primi comizi di Hitler. Gli interni al piano terra presentano degli splendidi soffitti affrescati. E’ un locale molto frequentato, soprattutto da turisti.

Non si può prenotare, se non in gruppi numerosi ed al piano di sopra, decisamente meno folcloristico.
Si mangia in grandi tavoloni ed il primo che arriva si prende il posto migliore. I camerieri sono perennemente di corsa, decisamente poco cortesi e si mangia senza infamia e senza lode.

E’ presente un’orchestra che suona ballate tipiche bavaresi. Insomma, io vi consiglio di vederlo, farvi due foto di rito e poi scappare in qualche altra birreria meno nota e più economica, dove probabilmente mangerete anche meglio.
Chiusa la parentesi, visto i giorni di sole, noi siamo rimasti all’aperto, girando a piedi il centro storico di Monaco, che non è grande.

Cosa vedere a Monaco di Baviera in 3 o 4 giorni

Merita sicuramente una mezza giornata di visita la Residenz, la reggia che ha ospitato i duchi governati, fino al Re di Baviera. (metro U3-U4-U5-U6 fermata Odeonplatz).

Purtroppo è stata gravemente danneggiata durante la seconda guerra mondiale, ma grazie al fatto che gli arredi erano già stati spostati, e grazie anche a grandi raccolte di fondi privati, il palazzo si presenta come era al tempo, quindi, in tutto il suo splendore.

Di sicuro interesse è la Camera del Tesoro, dove si possono ammirare gioielli risalenti addirittura a 1000 anni fa.
Visto il poco tempo noi abbiamo deciso di non soffermarci, ma penso che sarà tappa imprescindibile nella nostra prossima visita alla città.
Tutte le informazioni del caso le trovate sul sito ufficiale www.residenz-muenchen.de/index.htm
I Giardini Inglesi o Englischer Garten sono il parco cittadino.

Sicuramente meno frequentati ora che nel periodo estivo, quando migliaia di persone si riversano nei due biergarten posti agli opposti del parco, in tutte le stagioni offrono scorci suggestivi e la bellezza della stagione in corso. (metro U6-U3 fermata Universität).

foto tratta dal sito www.allianz.com

Per gli sportivi ed amanti del calcio, non si può non menzionare l’Allianz Arena, lo stadio voluto e costruito dalle due importanti squadre di calcio di Monaco, ossia il Bayern Monaco ed il Monaco 1860.

Vista la sua forma particolare è chiamato anche Schlauchboot, ossia gommone. Molto particolare di sera quando si illumina. (metro U6 fermata Fröttmaning)
Rimanendo in città, anche se un po’ defilata, si può salire sull’Olympia Turm, la torre della televisione che si trova nel parco olimpico a nord della città. E’ alta quasi 300 mt e da lassù nelle giornate terse il panorama è strepitoso. (metro U3-U8 fermata Olympia Zentrum).
Nei pressi si trova anche il Museo della BMW, per i patiti di macchine e del marchio in particolare.
Non mi soffermo a parlarne perchè non l’ho visitato, ma soprattutto perchè non sono un’intenditrice ed un’interessata a queste cose. Lascio comunque questo link molto esaustivo sul centro: www.viaggio-in-germania.de/museo-BMW-monaco

Foto tratta dal sito eropa.panduanwisata.id

A soli 15 minuti dal centro città sorge lo splendido Castello di Nymphenburg (S-bahn n. 1-2-3-4-6-8 fermata Laim e poi bus per ‘Schloss Nymphenburg’).
La sua costruzione risale al XVII secolo, ma nel tempo fu ampliato ed abbellito. E’ nato come residenza di campagna, regalo del principe Ferdinand Maria alla moglie Enrichetta Adelaide di Savoia per la nascita del primo figlio…una cosetta insomma…

Meritano tra le tante, la Steinerner Saal, ossia il salone delle feste, la Schönheitsgalerie, ossia la galleria della bellezza e la sala verde, dove nacque Ludwig II.
I grandi giardini ospitano una serie di padiglioni, tra i quali spicca Amalienburg.
Il più grande, usato come altri anche per incontri amorosi segreti, ospitò anche Maria Antonietta nel 1770, quando da Vienna si recò a Parigi per diventare la sfortunata regina di Francia che tutti conosciamo.
Di castelli ne ho visto davvero tanti e negli ultimi viaggi ne evito la visita perchè alla fine tutti si somigliano, ma ciò non toglie che ne sia sempre molto affascinata e che, sempre in un prossimo viaggio, vedrò da vicino anche Nymphenburg.
Credo di aver parlato di tutte le principali attrazioni di Monaco, tralasciando i musei, molti dei quali si trovano all’interno delle attrazioni stesse.

Come arrivare a Monaco di Baviera

Monaco si raggiunge comodamente dal nord Italia tramite l’autostrada del Brennero, per poi proseguire sull’autostrada austriaca (ricordo l’acquisto della vignette, anche poco prima dell’ingresso in Austria – costo € 9,00) ed infine quella tedesca, che è gratuita.
Per coloro che sono più scomodi nel raggiungimento della città in auto, Easyjet opera da Milano MXP e Roma FCO con voli spesso convenienti.
Anche Transavia ha voli diretti da diverse città italiane.
Poi non dimentichiamo le tedesche Lufthansa e Germanwings, che volano dai principali aeroporti italiani con voli diretti e non.

Come muoversi in città

La S1 ed S8, collegano l’aeroporto a Monaco centro.
Monaco ha un’ottima metropolitana, molto capillare e con tariffe convenienti.
Dovrete poi valutare voi se acquistare la CityTourCard, che oltre ai trasporti permette di usufruire di sconti in musei ed attrazioni, oppure acquistare il Single Ticket o il Group Day Ticket, il cui prezzo varia a seconda della durata (1 o 3 giorni) ed anche a seconda della zona in cui deciderete di viaggiare.
Noi abbiamo utilizzato il Group Day Ticket per l’Inner District (ossia la zona più centrale). Il costo per 1 giorno, fino ad un massimo di 5 adulti, è attualmente di € 11,60 complessivi. Secondo me è molto conveniente.

Monaco di Baviera, dove mangiare

Durante la stagione natalizia approfittate delle bancarelle gastronomiche presenti nei vari mercatini e con pochi euro potrete pranzare o cenare.
Se preferite recarvi al ristorante, le birrerie del centro storico sono spesso piene e vi consiglio di prenotare (dove è possibile farlo). Noi abbiamo cenato alla Hofbräuhaus, di cui ho parlato in precedenza, ed alla Zum Franziskaner. In quest’ultima abbiamo mangiato bene, ma i prezzi sono decisamente elevati ed il servizio potrebbe migliorare.

Dove dormire economico a Monaco di Baviera

Noi ci troviamo sempre bene con la catena Ibis Budget. Camere spartane, ma pulite e calde, in zone defilate ma comode ai mezzi pubblici e parcheggio in genere gratuito se scoperto, oppure ad € 5,00 al giorno in garage.
I bambini fino ad 11 anni soggiornano gratuitamente in camera con i genitori.
In questo caso l’Ibis di riferimento è stato l‘Ibis Budget Monaco City Sud. Il costo medio per notte è stato € 58,00 a camera (solo pernottamento).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Translate »