Pitigliano e Sorano, sospese tra terra e cielo

Pitigliano e Sorano sono due borghi toscani in provincia di Grosseto.

Sono luoghi talmente particolari che ti fanno capire come mai la nostra cara Italia sia ancora il Paese più bello del Mondo.

Ci siamo recati in questi due borghi tufacei durante il nostro soggiorno in Val d’Orcia, un luogo magico che abbiamo visitato con un itinerario di 3 giorni.

I paesi sono molto vicini tra loro, solo 9 km li separano, ed hanno caratteristiche simili.

cosa vedere a Pitigliano

Il punto migliore di veduta, dove potete riprenderlo nel suo insieme, è lungo la strada panoramica, che si trova subito dopo il centro del paese. La vedete in blu, gira tutto intorno al cuore antico di Pitigliano.


La vista da questo punto è davvero mozzafiato. Un intero paese, con case alte anche 4 piani, affiancate le une alle altre, in bilico sullo sperone tufaceo su cui è stato costruito. Ha dell’incredibile, eppure è lì da secoli!

pitigliano toscana

Rimarrete altrettanto estasiati quando entrerete nel centro storico di Pitigliano. Millemila viuzze di ciottoli, alcune rivolte verso lo strapiombo, altre che si chiudono sulle mura.

Vicoli ben curati, con botteghe artigianali, piccoli patii privati, tante piante e fiori ad abbellire le scale delle abitazioni. E poi la vista, la superba vista che c’è dal borgo verso la valle del Lente. Meraviglioso!

Ci troviamo nel cuore della ‘civiltà del tufo’, del quale fanno parte anche Sorano e Sovana.

L’edificio più importante di Pitigliano, anche a livello storico oltre che artistico, è la Fortezza degli Orsini. La sua costruzione risale in alcune parti al XII secolo, ma nel 1545 fu rivisitata ed è costituita.

Ora il palazzo appartiene alla Curia Vescovile.

Una curiosità: lungo via S. Chiara, andando in direzione di Sorano, si può accedere al Parco Orsini. L’ingresso non è facilmente visibile, perchè immerso nella vegetazione.

Ricorda il Parco dei Mostri di Bomarzo, voluto sempre da un membro della Famiglia Orsini.

La scultura più significativa è un’enorme figura femminile, poi potrete scorgere troni ricoperti di muschio ed una singolare terrazza panoramica.

cosa vedere a Sorano

A soli 9 km, troviamo la sorella minore di Pitigliano, detta anche ‘la Matera della Toscana’.

Anche se di primo acchito le assomiglia moltissimo, le case torri sono solo sul versante occidentale della rupe, mentre sul lato opposto sono distribuite in modo più dolce.

La grande Fortezza Orsini è presente anche qui, ma stavolta si trova nel punto più alto del paese, dal quale si gode una bella vista.

Il piccolo centro, meno arzigogolato del precedente, è anche meno turistico ed affollato. Si percepisce una sorta di tranquillità e di quotidianità. Alcuni turisti stranieri pranzavano sulle loro terrazze private, con una vista eccezionale sul paesaggio circostante.

cosa vedere nei dintorni di Pitigliano e Sorano

Queste zone sono abitate fin dall’antichità. Il popolo degli etruschi ha vissuto qui e moltissime sono le tracce del suo importante passato. Tra i siti più importanti cito le necropoli di Sovana e Sorano, attraversate a tratti da ‘vie cave’ lavorate nel tufo.

Nel Parco Archeologico Città del Tufo, in cui sono comprese, troverete sepolture a colombaio, la Tomba dei Demoni Alati, al cui interno vedrete una rarissima statua policroma, e quella di Ildebranda, realizzata completamente nel tufo. Quest’ultima è la più scenografica, con addirittura una delle colonne presenti costruita sul modello di quelle dei templi greci.

arrivando dalla Val d’Orcia…

…fate tappa a Radicofani!

Lo vedrete già in lontananza, arroccato in cima ad una rupe basaltica, con il Castello che Ghino il Tacco amministrò alla fine del XIV secolo, la cui origine però è di due secoli precedente.

Ciò che mi è piaciuto maggiormente di questo paese (non certo il vento forte e freddo che soffiava…) è la meravigliosa vista che permette, dal Monte Cetona al Monte Amiata!

come arrivare a Pitigliano e Sorano

Dal nord, autostrada A1 uscita Chiusi-Chianciano, poi SP478 e seguire le indicazioni.

Dal sud, autostrada A1, uscita Orte. Prendere poi per Viterbo ed uscire direzione Siena sulla SS675. Poi seguire le indicazioni.

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Translate »