L’isola di Burano si trova nella laguna veneta, assieme alle sue sorelle Murano e Torcello.

Le sue case colorate, le lenzuola stese, l’atmosfera rilassata e la tranquillità che spesso ho trovato nei suoi vicoli, la differenziano e non poco da Venezia, superba ma caotica.

Non era la mia prima volta a Burano. L’avevo visitata nel 2009, assieme a Matteo, che allora aveva 4 anni.

Come molti, avevo unito la visita a quella delle altre isole, non dedicando abbastanza tempo a questo luogo così sorprendente, tra i più colorati d’Europa.

isola di burano venezia

Così, in occasione dei 25 anni insieme a mio marito, ho deciso di tornare e visitarla con calma in ogni via, piazza o ponte.

come arrivare a Burano con i mezzi dell’ACTV

Queste indicazioni valgono per chi vuole visitare SOLO l’isola di Burano ed arrivare in loco con la propria auto.

Volendo raggiungere l’isola direttamente, senza fermate intermedie, ho pensato di recarmi a Treporti, una piccola località oltre Venezia, verso S. Donà di Piave.

A breve distanza si trova anche Punta Sabbioni, ci si può imbarcare anche da lì.

vaporetto per isola di burano veneziaIl costo one way è di € 7,50 a persona, € 15 con il ritorno. Nessuno sconto.

Volendo visitare solo Burano ci è convenuto acquistare due biglietti di corsa semplice, la cui durata è di 75 min.

Se voleste recarvi anche Venezia o utilizzare il vaporetto più volte, conviene fare il giornaliero, il cui costo attualmente è di € 20 per persona.

Se siete degli abituè di Venezia, ossia tornate più volte l’anno, vi conviene acquistare la Card Venezia Unica. Costa € 50 per adulto e vale 5 anni. In questo caso le tariffe per il vaporetto vi costerebbero € 1,50 a tratta contro i 7,50.

I vaporetti che collegano Punta Sabbioni e Treporti a Burano sono il n. 12 ed il n. 14. La traversata dura 15 min da Treporti, circa 20 da Punta Sabbioni.

Passano una volta all’ora, ma in orari differenti, quindi ogni mezz’ora troverete un’imbarcazione. Sono molto puntali, per fortuna, tenetene conto.

In entrambe le località troverete parcheggi a pagamento in prossimità del molo. I prezzi sono cari, come tutto in questa zona. Se rimarrete dalle 2 alle 5 ore spenderete € 7,50, mentre dalle 5 alle 9 ore € 9,50.

Fino a due ore di sosta il costo è di € 4,50.

Se avete tempo e voglia di fare due passi, è comunque possibile trovare dei parcheggi gratuiti a Treporti, circa ad un km o poco più dal molo.

A questo link troverete gli orari aggiornati dei vaporetti. Le linee sono in ordine crescente –> http://actv.avmspa.it/it/content/orari-servizio-di-navigazione-0

Arrivare a Treporti e Punta Sabbioni comporta almeno 45 min d’auto in più che se decidiate di parcheggiare a Venezia.

Però, a meno chè non preferiate lasciare l’auto in P.le Roma (e lasciarci mezzo stipendio), dovrete cercare parcheggio in uno di quelli prima della laguna (in genere costano 5/6 eur per tutto il giorno), prendere l’autobus, recarvi in S.Marco – S. Zaccaria e prendere il n. 14, che vi porterà a Burano in 45 min.

Oppure, da P.le Roma, prendere uno dei vaporetti per Fondamente Nove, poi da lì cambiare e prendere il n. 12.

L’ultima indicazione è valida anche per chi arrivasse in treno alla stazione di S. Lucia.

Burano cosa vedere e perchè le sue case sono colorate

Burano è bella già dal mare, quando ne vedrete il campanile tutto storto e le tante casette di tutti i colori, proprio sul filo dell’orizzonte.

Una volta scesi dal vaporetto (arrivate alla mattina, se riuscite entro le 11, c’è molta meno gente), cominciate a passeggiare ovunque vi portino i vostri occhi, seguite i colori più accesi, oppure seguite i canali, altrimenti state nella parte più esterna ed addentratevi dopo.

Io ho amato moltissimo scoprire i suoi angoli più reconditi, dove non c’era praticamente nessuno.

Tante piccole piazze, con affacciate casette dai colori pastello o sgargianti, con addirittura i fiori o le pedane stese dello stesso colore! E’ proprio un culto radicatissimo quello di distinguere ogni casa con colori differenti.

isola di burano venezia

Cercando in rete ho letto che, la risposta alla domanda ‘come mai Burano ha le case colorate?’ potrebbe essere

‘per essere riconosciute dai pescatori quando tornavano a casa, specie nelle giornate di nebbiose’,

ma potrebbe essere anche per distinguere una famiglia dall’altra, visto che gli abitanti erano pochi ed i cognomi spesso uguali, oppure perchè le donne, visto le lunghe assenze dei mariti, dovevano occuparsi anche di gestioni prettamente maschili, come appunto ridipingere le mura esterne delle abitazioni.

Spesso i colori differivano da quelli del vicino, così si diede col tempo sempre maggior enfasi alle differenze, rendendo Burano l’arcobaleno di colori che oggi possiamo ammirare.

Il bello di questo luogo però, è anche andare alla ricerca dei particolari: la targa sul muro, la lanterna davanti alla porta, perfino i gatti sembrano essere in posa!

i gatti di burano

sembra finta…ma è vera questa splendida micia..

Il campanile storto è sicuramente l’attrazione più curiosa dell’isola .

Risale al 1600 e, a causa del cedimento del terreno, pende di quasi 2 metri, più esattamente di  1.83 m! E’ davvero notevole!

Il punto migliore per vederne la pendenza è da Via Giudecca, lungo il canale.

Burano è famosissima per i merletti!

i merletti di buranoCi sono anche leggende legate alla tessitura di questi capolavori, per i quali ci vogliono almeno 2-3 mesi di lavorazione!

Non è facile trovare dove ancora li fanno a mano, ma nella piazza centrale, se cercate bene, troverete alcuni negozi e forse anche la merlettaia!

Per gli amanti, nella Piazzetta di Burano, si trova il Museo del Merletto, dove trovare esposti alcuni esemplari più belli del merletto Buranello.

dove mangiare a Burano

Chi pensa che per pranzare si debba per forza spendere un patrimonio si sbaglia.

Certo, ci sono ristoranti di livello, alcuni blasonati, altri meno, ma ci sono anche take away e posti più alla buona.

In alternativa c’è sempre l’intramontabile pranzo al sacco, da gustarsi magari nella vecchia pescheria con vista su Venezia, o nel parco vicino al molo.

Noi, vista la ricorrenza, abbiamo pranzato al ristorante Rivarosa, su Fondamenta San Mauro e ci siamo trovati bene.

Abbiamo speso 76€ in due mangiando pesce fresco, ma senza vino.

Abbiamo assaggiato il risotto di gò, una delle specialità buranesi, oltre che altri piatti ben cucinati. Personale molto gentile ed attento al cliente.

Non posso che consigliarlo, però tenete conto che ogni piatto costa sui 18/20 eur.

dormire a Burano? Sì è possibile

I bed&breakfast e le case vacanza non sono tante ma ci sono, e le trovate anche su Booking.com

Vi consiglio comunque di consultare il sito ufficiale dell’Isola di Burano, che offre qualche opportunità in più

–>www.isoladiburano.it/it/bur/appartamenti-e-case-vacanza-a-burano

link utili:

www.isoladiburano.it

Muoversi a Venezia – ACTV

 

 

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Translate »