| 

Giardino Bardini Firenze e la galleria di glicini

Erano già alcuni anni che volevo visitarli, attratta principalmente da una delle rare gallerie di glicini presenti in Italia, almeno qui al nord.

Si trova vicino al più noto Giardino di Boboli, tant’è che l’entrata a quest’ultimo comprende anche la visita al Bardini.

Quest’anno, visto anche la primavera anticipata, abbiamo colto l’occasione di una domenica di sole e siamo partiti nuovamente alla volta di Firenze, una città che non mi stancherò mai di vedere, anche se stavolta ho preferito passeggiare per vie defilate, contigue al centro storico più turistico.

Se arrivate abbastanza presto potete parcheggiare gratuitamente presso il Forte Belvedere (c’è un parcheggio riservato ai visitatori della villa), altrimenti potete direttamente scegliere di lasciare l’auto su al Piazzale Michelangelo e scendere con calma verso il centro ed il giardino.

GIARDINO BARDINI FIRENZE – IL PERCORSO CHE ABBIAMO FATTO A PIEDI DAL PARCHEGGIO AL GIARDINO

L’ingresso ai giardini può avvenire da Via dei Bardi al civico 1rosso oppure in Costa San Giorgio civico 2.

Si può decidere di acquistare preventivamente il biglietto, con possibilità di disdetta fino a 24h prima, oppure acquistarlo in loco. L’ingresso al giardino è consentito fino ad 1h prima della chiusura.

Ogni prima domenica del mese l’ingresso è gratuito per tutti, mentre il primo e l’ultimo lunedì del mese il giardino è chiuso.

Ci sono diverse opzioni per entrare gratuitamente e visitare questa meraviglia:

  • se si ha meno di 18 anni
  • se si è giornalisti o docenti italiani
  • portatori di handicap
  • studenti in Erasmus
  • se si è residenti nella Città Metropolitana di Firenze, oppure nel comune di Arezzo e provincia o nel comune di Grosseto e provincia. E’ necessario esibire un documento di identità che lo comprovi. In questo caso la gratuità è relativa SOLO all’ingresso al Giardino Bardini.

Inoltre, tutte le persone residenti nella UE con età compresa fra i 18 ed i 24 anni, in costo d’ingresso è ridotto ad € 2,00.

Giardino Bardini Firenze, ulteriori informazioni per visitarlo

Alla biglietteria vi verrà fornito un piccolo opuscolo contenente la piantina dei giardini e vi verrà spiegato il percorso da seguire.

Il Giardino Bardini si compone di 3 giardini diversi.

Il primo che incontrerete è attraversato da un’antica scalinata seicentesca. E’ la parte più elegante, con le sue belle statue che riportano agli antichi splendori di qualche secolo fa.

Già da qui comincerete a godere del panorama superbo su Firenze.

Seguendo il percorso costeggerete il frutteto ed il parco agricolo fino ad arrivare alla meravigliosa galleria dei glicini.

Quando fiorisce il glicine a Villa Bardini?

Il glicine fiorisce completamente intorno alla metà di aprile, ma la fioritura può anticipare o ritardare, a seconda della stagione. Meglio informarsi preventivamente se volete vederla al meglio. 

In questa zona si trovano anche la collezione di ortensie (fioritura a giugno), l’oliveta ed il roseto.

Oltre la galleria si apre il Belvedere, una spianata di fronte alla Kaffeehaus, che domina l’intera città.

Il panorama è davvero strepitoso e potrete ammirarlo gustando qualcosa alla caffetteria. I prezzi sono un po’ elevati, ma con una vista del genere si può chiudere un occhio sul portafoglio.

Dietro la caffetteria si trova il giardino delle camelie, la cui fioritura però è a marzo.

Proseguendo oltre il Belvedere, ci si inoltra nel giardino anglo-cinese, di cui fa parte il prato delle azalee e seguendo il piccolo ruscello si arriverà quasi di fronte a Villa Bardini.

La villa ospita la sede della Fondazione Parchi Monumentali Bardini Peyron, la Società Toscana di Orticultura, la Fondazione Capucci ed il Museo Annigoni.

Anche per chi non è amante di queste cose, ne consiglio comunque la visita, quantomeno per godere della vista più bella su Firenze di tutto il giardino. Dalla piccola terrazza panoramica vi sembrerà di toccare la cupola del Duomo con un dito…davvero strepitosa!

Quanto tempo ci vuole per visitare Giardino Bardini?

La durata della visita ai giardini è di ca. 45 minuti, poi dipende da quanto volete rimanere.

Se nel biglietto avete incluso anche il giardino di Boboli, potete raggiungerlo prendendo l’uscita dalla villa (e non dal giardino in Via dei Bardi), cioè in Costa San Giorgio e seguire le indicazioni.

Altrimenti potete passeggiare un po’ sul lungo Arno, che si trova a pochi passi e perdervi per le vie del centro storico vicino a Ponte Vecchio, senza però attraversarlo e sgomitare fra le migliaia di turisti che quotidianamente visitano la città.

Visto che avevamo ancora un po’ di tempo a disposizione, ci siamo spostati verso il Forte Belvedere, dove avevamo parcheggiato (che come detto in precedenza è gratuito per il visitatore del complesso Bardini, fino ad esaurimento posti) e siamo saliti fino al famoso Piazzale Michelangelo dove la vista si perde non solo su Firenze, ma anche sul corso del fiume e sulle colline circostanti.

L’atmosfera che si respira in questo luogo è fantastica. Tanta gente, di tutte le età, turisti e non, chi suona, chi si gode la vista, chi si ritrova per due chiacchere con gli amici. Posto ce n’è per tutti. Mi è piaciuto moltissimo.

A fianco del piazzale, si trovano due meraviglie, il Girdino degli Iris ed il Giardino delle Rose. Il primo è aperto su prenotazione e gratuito tutto l’anno.

Solo dal 25 aprile al 20 maggio lo potete trovare sempre aperto, in corrispondenza della fioritura degli iris.

Quello delle Rose invece è sempre aperto e si disloca su dei terrazzamenti. E’ amatissimo dai fiorentini che qui vengono a rilassarsi ed a godersi la vista sulla città.

Sicuramente il momento migliore per la visita è maggio, mese di fioritura delle rose, ma visto l’anticipo di primavera, alcune erano già fiorite.

La Fondazione Parchi Monumentali Bardini Peyron, che si occupa della gestione del Giardino Bardini è stata costituita nel 1998 dall’Ente Cassa di Risparmio di Firenze ed ha come obiettivo, tra gli altri, il recupero dell’eredità Bardini.

La villa ospita spesso mostre. Potrebbe capitare che, nel caso voleste visitare anche gli interni, vi sia un sovrapprezzo. Nel caso vi interessino solo i giardini, direi che il costo non differisca da quello normale.

Mappa del percorso effettuato:

Articoli simili

2 Commenti

  1. Ci siamo stati, ma non in primavera, credo fosse autunno! Il giardino è comunque molto bello, ma la fioritura dei glicini è quel tocco in più secondo me!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.