Cosa vedere a Strasburgo a dicembre, in pieno clima natalizio?

La mia priorità è stata quella di assaporare al massimo l’atmosfera magica del Natale, immergendomi completamente fra mercatini, luminarie ed abbondanti bicchieri di vin chaud!

La capitale del Noel però offre molto di più. Noi eravamo stati qui un pomeriggio d’agosto, ed unendo un po’ le cose viste allora con quelle viste adesso, posso darvi una panoramica di ciò che caratterizza la bella città di Strasburgo.

Strasburgo a dicembre, cosa vedere

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "OK Accetta" nel banner"

Mercatini di Natale

Beh non possiamo che partire da qui.

Uno dei mercatini più grandi è quello in Place Kleber, dove è presente anche il bellissimo albero di Natale. Ogni giorno, alle ore 17/18/19 in punto, viene acceso a ritmo di musica. Uno spettacolo di luci che dura circa 5 minuti, al quale non si può mancare.

Le bancarelle presenti in questo punto, vendono principalmente bevande calde e dolciumi.

In Place Broglie troverete un altro mercatino, che in parte vende cibo e bevande, con tanto di tavoli e panche per sedersi, ed in parte vende luminarie natalizie, addobbi, oggettistica a tema natalizio ed alsaziano.

L’ho trovato molto carino, anche se leggermente decentrato rispetto al centro. E’ giusto sottolineare l’importanza storica di questo mercato, qui presente dal 1871.

C’è comunque la fermata del tram proprio in corrispondenza a questa piazza.

Rue Merciére è la strada dritta alla bellissima Cattedrale di Strasburgo, da percorrere per arrivare al mercatino presente sia in Place de la Cathédrale che a fianco all’enorme edificio religioso. Qui troverete anche il negozio/bancarella al chiuso della nota marca Käthe Wohlfahrt. Ninnoli deliziosi, anche se abbastanza costosi.

All’interno della Petite France, troverete alcune bancarelle in Place Saint-Thomas (prezzi più alti rispetto ad altri posti), ed al villaggio dell’Avvento, l’unico mercatino aperto fino al 2 di gennaio.

Siamo proprio di fronte ai ponti coperti (Ponts Couverts et Barrage Vauban).

Un mercatino imperdibile e davvero unico è quello che vende i prodotti locali alsaziani. Quest’anno (2022), si trovava in Place Louise Weiss, sempre nella Petite France. Noi abbiamo comprato del miele allo zafferano favoloso, ma si poteva spaziare fra marmellate, formaggi e dolci tipici. Da non perdere!

Altre bancarelle che vendevano delizie alsaziane, si trovavano in Terrasse Rohan, sul fiume, a pochi passi dalla Cattedrale.

Le vie più belle durante il Natale

Strasburgo è tutta una meraviglia durante i giorni dell’Avvento, ma alcuni luoghi più di tutti spiccano fra gli altri.

Di Place Kleber e dell’accensione dell’albero ho già parlato in precedenza. Mi è piaciuta molto tutta l’area attorno alla Cattedrale, Rue des Tonnelieres, con le sue botti luminose e la deliziosa e pittoresca Place des Tripiers.

Il luogo però che proprio mi ha stregato è Rue du Maroquin.

Qui si trova il famoso ristorante Le Tire-Bouchon, con le sue decorazioni di orsetti bianchi che addobbano tutto il palazzo. Sono le più belle e fotografate della città. A fianco, da una parte il ristorante storico Au Vieux Strasbourg, una winstub dall’atmosfera caldissima, e dall’altra parte l’elegante Le Gruber.

Qui vi consiglio di passare sia di giorno che di sera. E’ veramente un sogno.

Concludo con il gioco di luci e le decorazioni della Patisserie Christian, tra le migliori della città.

Noi, visto il freddo di quei giorni, ne abbiamo approfittato per scaldarci un po’ ed assaggiare le loro prelibatezze. Sicuramente un posto che consiglio.

I palazzi più antichi della città

Mentre passeggerete per Strasburgo, non perdetevi assolutamente alcune delle architetture più belle ed antiche della città.

Maison Kammerzell è una di queste. Ci troviamo in Place de la Cathedrale, e questo edificio spicca per la sua imponenza e seriosità rispetto al resto.

Le sue fondamenta gotiche risalgono alla prima metà del XV secolo, mentre il palazzo nel complesso è stato costruito alla fine del XVI secolo.

Qui vi si può sia pernottare che pranzare/cenare. E’ uno dei ristoranti più rinomati della città.

Un altro edificio antico da vedere, almeno da fuori, si trova nella Petite France ed ospita a sua volta un ristorante. Si tratta della Maison Des Tanneurs, ovvero la Casa dei Conciatori. Costruita nel 1572 e monumento storico dal 1927, da 70 anni è gestita dalla stessa famiglia che, dal 1956, porta avanti le tradizioni alsaziane di generazione in generazione.

Splendida la posizione, così come l’edificio in sè. Bello in inverno con la neve, delizioso in estate con la sua terrazza sul fiume.

Altro edificio veramente bello, con tanto di corte interna, è quello che ospita l’elegante hotel Cour de Corbeau, ai bordi della Petite France. Ne parlo in questo articolo: Hotel nei dintorni di Strasburgo, la mia esperienza

Si può tranquillamente entrare nell’area esterna, magari su appuntamento si possono visitare anche parte degli interni. Non ne ho idea. So solo che l’edificio risale ad oltre 500 anni fa ed ospita uno degli hotel più antichi d’Europa. Vale la pena farci un salto, che dite?

Cave Historique des Hospice de Strasbourg

Visitare queste cantine, che risalgono al 1395, è un vero tuffo nel passato.

E’ tutto come un tempo, a partire dal bellissimo soffitto a volta in mattoni. Qui, con visita libera e gratuita, potete ammirare questo luogo perso nei secoli ma, prenotando la visita guidata, potrete anche includere la degustazione di quello che viene chiamato ‘le plus vieux vin du monde’.

Il vino può essere acquistato direttamente in loco, e potrete spaziare fra i più invecchiati e pregiati, e quelli più economici. Non c’è dubbio che, in qualsiasi caso, vi porterete a casa un prodotto unico e veramente speciale.

Link al sito: www.vins-des-hospices-de-strasbourg.fr

Gita in battello

La gita sul fiume Ill si può fare tutto l’anno, grazie al fatto che i battelli possono essere coperti e chiusi.

Noi abbiamo vissuto questa esperienza in estate, alcuni anni fa, pertanto non l’abbiamo ripetuta.

La compagnia che si occupa delle gite, che hanno la durata di circa 1h, è la Batorama. Sul loro sito, potete vedere il tragitto che viene effettuato, gli orari ed il costo. E’ sicuramente un’esperienza da fare, anche perchè vi permette di vedere la città da un’altra prospettiva, portandovi anche in zone che magari a piedi non avreste tempo di visitare.

I musei della città

Durante la stagione fredda e magari un po’ piovosa, i musei diventano un’opzione molto valida per scoprire la storia di una città o di una regione.

A Strasburgo i musei più importanti sono il Museo Alsaziano, che ospita oggetti di arte povera, dai giocattoli agli arnesi da lavoro, dalle immagini religiose a mobilio di epoche passate, il Museo Storico ed il Museo Archeologico e delle Belle Arti, ospitato all’interno di Palazzo Rohan.

Maggiori informazioni su altre attrazioni di questo tipo, le potete trovare direttamente sul sito dell’Ufficio Turistico della città: www.visitstrasbourg.fr/it/musei

La cattedrale

Uno degli imperdibili monumenti da vedere è proprio la Cattedrale. Noi secondo voi l’abbiamo vista? Certo che no, perchè ci siamo passati davanti un paio di volte, ma l’abbiamo sempre trovata chiusa. In realtà sarebbe dovuta essere aperta, e forse avrebbe aperto di lì a poco, ma c’era davvero freddo e l’idea di stare fermi in attesa proprio non c’è passata nemmeno per l’anticamera del cervello.

Siccome però a Strasburgo ci tornerò sicuramente (ottima tappa per spezzare un viaggio verso nord), non mancherò di ammirare il suo orologio astronomico all’interno, così come lo splendido complesso di vetrate ed il rosone, del diametro di ben 14 metri!

Comunque, già da fuori è un vero capolavoro di arte gotica, in splendida posizione verso Rue Merciére, sotto Natale addobbata con i famosi angeli, che fanno capolino su tutti i social.

L’ingresso alla Cattedrale è libero e gli orari (dal loro sito) sono i seguenti:

dal lunedì al sabato dalle 8:30 alle 11:15 e dalle 12:45 alle 17:45;
domenica e festivi dalle 14:00 alle 17:15

I parchi di Strasburgo

Visto la stagione invernale e visto il poco tempo della volta precedente, per queste informazioni vi rimando completamente al sito dell’ente del turismo della città:

www.visitstrasbourg.fr/it/parchi-e-giardini

Di alternative ce ne sono diverse, secondo me tutte interessanti, ma ci vogliono il tempo e la stagione giusta.

Sarà per la prossima volta, garantito.

 

 

2 Comments

  1. Andrea Parmeggiani ha detto:

    Molto interessante, è sicuramente una zona da visitare.
    Ora mi spiego alcune parole del nostro dialetto:
    “Tire bouchon” -> “Tirabusòun” … bellissimo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Translate »

Viaggiare con Laura cookie funzionali e di terze parti per il suo funzionamento. Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. clicca qui per sapere quali cookie usiamo

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi