Marrakech: cosa NON fare. I miei 10 consigli

Di ritorno dal nostro viaggio a Marrakech di una settimana,

mi sento di darvi alcuni consigli su cosa NON fare in questa splendida, ma caotica città.
Ciò che scriverò, è frutto della mia esperienza, intrecciato con ciò che avevo letto in rete e che poi è stato corrispondente alla realtà.

Ve lo scrivo con molta umiltà, perchè mi rendo conto che una settimana non è sufficiente per capire davvero una società ed una cultura tanto diversa dalla nostra. Però, proprio perchè siamo così differenti, certe cose saltano subito all’occhio e capisci molto in fretta cosa è meglio non fare a Marrakech!

Stilerò la mia lista senza un ordine preciso, ma man mano che mi verranno in mente aneddoti o esperienze.

Pronti per i miei consigli pratici? Via!

Marrakech, cosa non fare – 10 consigli

  1. Ascoltare chi ti dice che il tal museo è chiuso, ma che, guarda caso, quel giorno è proprio quello giusto per vedere la conciatura delle pelli o le donne berbere che scendono dalle montagna per fare il pane. Non è detto ma, 9 volte su 10 non è vero e finirete in qualche bazar a comprare qualcosa di non preventivato. A noi è successo con il Museo di Marrakech. Ci avevano detto che era chiuso ma, arrivati là davanti, abbiamo visto che non era vero. Santi consigli del web!

    marrakech cosa non fare

    Al Museo di Marrakech, bello che aperto!

  2. Vestirsi con abiti succinti. Ormai la città è molto aperta al turismo, ma la filosofia e la cultura islamica sono sempre fortemente radicate. Molte donne portano addirittura il burka. Sta nella nostra sensibilità ed intelligenza rispettare questo popolo nelle sue credenze e tradizioni. Quindi sconsiglio scollature, vestiti aderenti e gonne troppo corte.
  3. Tra le cose da non fare a Marrakech, ai primi posti ci sono le fotografie o riprese in Piazza Jemaa el Fna. Preciso: si possono fare, ma prima accordatevi sul prezzo. Incantatori di serpenti ed altri intrattenitori non vedono l’ora di spillare soldi ai malcapitati. Io sono riuscita a fare una foto tenendo la macchina bassa, ma ho rischiato. A mio figlio hanno fatto aprire la galleria delle foto, per vedere se avesse scattato…certo, ci si può rifiutare, ma meglio non aver da dire con certe persone…e poi lui non aveva fatto foto, quindi non avevamo nulla da temere. State davvero molto attenti, potrebbe costarvi tanti dirham!
  4. Ascoltare chi vi vuole assolutamente vendere qualcosa. Personalmente non ho trovato gente troppo insistente, però sta nella loro natura. Quindi, se non siete interessati, non date corda. Un bel no, grazie e via per la vostra strada. Nessuno vi inseguirà, fidatevi.
  5. Rifiutare una contrattazione. Eh sì, al contrario, se volete acquistare qualcosa, magari di importante, munitevi di pazienza e contrattate. Anche questo fa parte del gioco e non farlo sarebbe scortese e poco delicato. Siamo noi a casa loro e non viceversa.
  6. Bere le ottime spremute d’arancia in bicchiere di vetro. Cosa non fare a Marrakech! Questo è proprio vietato se non volete che la maledizione di Montezuma si abbatta sul vostro intestino!Piazza Jemaa el Fna Ormai tutti i venditori sono muniti di bicchieri di plastica e cannucce, ma è una regola comunque basilare se acquistate qualcosa per strada. Le condizioni igieniche, ma anche il clima diverso, possono farvi perdere preziosi giorni di vacanza. State attenti! (PS l’ente del turismo del Marocco, consiglia la baracchina n.1 in piazza Jemaa el Fna). Tale consiglio vale anche per l’acqua del rubinetto. Informatevi dal riad se potete o meno lavarvici i denti. Nel nostro caso ci hanno sconsigliato di berla, quindi abbiamo utilizzato l’acqua in bottiglia, ma non così rigorosamente. Siamo stati tutti bene. Mai bevuta però!
  7. Arrivare all’aeroporto il giorno della partenza ‘solo’ 2 ore prima. Voi non avete idea di quanto siano lunghi i controlli a Marrakech. Inoltre ne fanno ben 4: uno prima di entrare scannerizzando i bagagli, poi dovete fare il check in anche se avete solo il bagaglio a mano, controllo del passaporto (interminabile…) e controllo del visto sul passaporto. Non sono poche le persone che rischiano di perdere il volo per questo. Arrivate quindi almeno 3 ore prima della vostra partenza.
  8. Scattare foto alle persone, senza chiederlo. Io nemmeno ci ho fatto caso....Mi è capitato diverse volte di fare la foto ad una moschea, un negozio etc.. senza tener conto di chi vi stava accanto. Oltre agli accidenti in marocchino che mi hanno tirato, in foto ho visto che si mettevano la mano sul viso. Si vede che le superstizioni sulle fotografie che rubano l’anima sono ancora forti…penso…dopo sono stata più attenta…però vedete quanto è facile irritare le persone. PS: era sempre gente di una certa età, mai giovani.
  9. Andare a zig zag per il souk o la medina. Le strade strette, le tante persone, i carretti, ma soprattutto quei maledetti motorini possono davvero farvi male. Quindi state sempre di lato, mi raccomando!
  10. Non pensate di arrivare nel Terzo Mondo. Ecco, questo è una cosa da non fare, perchè Marrakech non lo è di certo. Non è nemmeno del tutto Africa in certi aspetti. E’ un concetto che alcuni di noi purtroppo hanno, specie i parenti che rimangono a casa 🙁 . Sicuramente, come ho già detto, siamo molto diversi, ma per certi versi loro sono molto più civili di noi. Tra poveri si aiutano, c’è una forte solidarietà con i meno fortunati. Da noi non è così, anzi, noi li evitiamo come la peste! C’è sporco certo, ma ogni sera, ogni negozio o baracca raggruppa la sua immondizia, che poi viene raccolta. Non so dove finisca, però il gesto iniziale c’è…E comunque noi abbiamo trovato tante persone per bene, che lavorano duramente e che se possano aiutano anche il turista senza voler nulla in cambio. Invece, mi hanno deluso un po’ i bambini. Quelli tra i 10/12 anni facevano un po’ i furbetti…ti davano indicazioni non richieste e poi pretendevano di essere pagati…in €!! E’ successo un paio di volte solamente, ma ci possono essere anche questo tipo di episodi, assolutamente gestibili comunque.

Bene, tra un ricordo e l’altro sono arrivata a ben 10 consigli su ‘Marrakech, cosa non fare’. Vedrete, non sarà difficile e dopo l’impatto iniziale, che sarà comunque forte, imparerete a comportarvi nel modo più appropriato.

E non vedrete l’ora di tornare in questa incasinata, ma splendida città, inshalla, ossia, se Dio vuole.

Link utili: visitmarrakech.com

 

State programmando una vacanza nella città rossa?

I miei consigli su dove dormire ‘alla marocchina’:

Dove alloggiare a Marrakech: Riad Sable Chaud

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "OK Accetta" nel banner"

 

 

2 Comments

  1. serena ha detto:

    Dettagli che è sempre meglio tenere a mente. Ognuno è libero di condividerli o meno ma quando si va in visita in un paese straniero bisogna ricordarsi sempre che siamo ospiti !

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Translate »

Viaggiare con Laura cookie funzionali e di terze parti per il suo funzionamento. Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. clicca qui per sapere quali cookie usiamo

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi