Postdam e Spandau. Una giornata nei dintorni di Berlino

  • list item 1
  • list item 2

Se avete l’opportunità di stare a Berlino circa una settimana, potete avere il tempo anche per visitare qualcosa al di fuori del perimetro della città. Io ho visitato il sobborgo di Spandau (in realtà è ancora Berlino) e la cittadina di Postdam. In entrambi i casi ci si arriva con la U-Bahn e S-Bahn e non c’è bisogno di fare biglietti aggiuntivi. Spandau un tempo era una grande città industriale indipendente che, nel 1920, è stata inglobata in Berlino. E’ divenuta famosa nei tempi moderni per il fatto che i maggiori esponenti del nazional-socialismo furono chiusi nel carcere della città, oggi abbattuto.

 

Sarà stato il brutto tempo, ma Spandau non mi ha detto un gran chè. E’ stato interessante ma nulla più. Considerate che ci vuole mezz’ora di metropolitana per arrivarci.

                                      
Altra cosa, invece, è Postdam. Il centro storico è molto carino. Anche qui vi è una Porta di Brandeburgo, più piccola, quasi proporzionata alla città di dimensioni ridotte rispetto a Berlino.
Ha un bel centro, vivo, con negozi e caffetterie. Qui abbiamo trovato una giornata di sole che sicuramente ha aiutato a vedere tutto con occhi diversi, ma, in tutti i casi, Postdam è una visita che non dovreste perdervi.
Postdam è una città ricca di monumenti ed i suoi Palazzi e Parchi sono stati dichiarati dall’Unesco Patrimonio dell’Umanità. Particolarmente famoso è il Castello di Sanssouci, immerso in un vastissimo parco che si fatica davvero a percorrere tutto. Per arrivarci noi abbiamo preso il tram dal centro città.

Postdam è chiamata anche la Versailles tedesca. Infatti lo stile di questi palazzi ricorda parecchio le residenze francesi. Io ero a nozze, amante come sono di castelli, palazzi e giardini.

All’interno del parco c’era anche questo splendido palazzo, ossia il Neue Schloss, con splendidi decori e stucchi. I lampioni e lanterne, in particolare, attirano sempre il mio interesse.

Postdam merita almeno una giornata, che sarà molto impegnativa, ma fidatevi che ne varrà la pena.

Per chi avesso ancora più tempo, propongo un giro di 2 giorni nella Spreewald, un paradiso verde alle porte di Berlino. Si trova a circa 100 km a sud-est della capitale. In questo luogo la Sprea si divide in tanti piccoli rami, creando piccoli fiumiciattoli percorribili con kayak e canoe. La zona può tranquillamente essere chiamata ‘La Venezia dei Berlinesi’. La zona è dichiarata dall’Unesco Riserva della Biosfera e da una mia lettura, ho appreso che i paesini di Lubben, Burg e Lubbenau sono i più interessanti e caratteristici.
Se qualcuno di voi già ci è stato, può postare notizie più precise ad aggiornate.

3 Commenti

  1. Anonimo ha detto:

    ciao laura,

    mitico blog. Seguirò sicuramente i tuoi consigli nel mio prossimo viaggio a Berlino.

    Silvio.

  2. shanta ha detto:

    ciao Laura, nella mia precedente visita a Berlino (con più tempo a disposizione…) anche noi abbiamo scelto di vistare Potsdam: una scoperta incredbile! Sembra quasi impossibile che a così poca distanza dalla capitale tedesca ci sia un gioiello come Sansouci (uff, non mi ricordo come si scrive) con così tanto verde, alberi, fiori! Se ti capita, la prossima volta fai anche un ssalto al Wannsee (è sempre sulla linea metro per Potsdam): è il "mare" dei berlinesi!

  3. Laura ha detto:

    Hai proprio ragione Sansouci è splendido e poi il complesso è enorme…noi eravamo con mio figlio che allora aveva 3 anni…per fortuna avevamo il passeggino!
    Di Wannsee ne ho sentito parlare…direi anche di avere un articolo di giornale da qualche parte…ma non c'era piu' tempo…grazie comunque per la tua dritta. Ora ho la conferma che il posto merita. Complimenti per il tuo blog!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *