Cosa vedere a Kinsale e dintorni. Mini-tour nel sud dell’Irlanda

Kinsale è indubbiamente il paese più colorato d’Irlanda e sono abbastanza sicura nel dire che sia pure uno dei più belli.

Si trova nel sud dell’Irlanda, sulla costa. E’ ancora un paese di pescatori ed il suo piccolo porto turistico permette una bella vista su tutta la baia.

La costa meridionale dell’Irlanda offre scenari e paesaggi tra i più belli di tutto il Paese ma, a causa del poco tempo e del meteo inclemente, abbiamo visto ancor meno di quello che avevo preventivato.

Avendo studiato a lungo però il nostro tour di 10 giorni, sono in grado di dirvi ciò che secondo me merita di essere visto, anche se fisicamente non ho potuto farlo 🙁

Ho scelto come base proprio Kinsale, avendo notato quanto fosse grazioso questo borgo marinaro.

Ci troviamo all’inizio della Wild Atlantic Way, la lunga strada panoramica, ben 2500 km., che corre lungo la magnifica costa irlandese, fino a Muff, nell’Irlanda del Nord.

La cittadina è stata per secoli uno dei più importanti centri di tutta l’isola, per popolazione, commercio e pesca.

I primi insediamenti anglo-normanni risalgono al XII  sec., ma solo due secoli dopo venne riconosciuta come vero e proprio centro e città costiera dalla corona inglese.

Nel 1666 fu definita come ‘uno dei più importanti porti d’Europa’, per il commercio di vino e sale.

Kinsale inoltre era il primo porto che veniva chiamato dalle navi provenienti dall’America ed anche dall’Europa. Insomma, oggi questo borgo ci pare piccolo, ma è stato ed è tutt’ora una dei centri più importanti del sud dell’Irlanda.

Oltre che passeggiare per il centro del borgo, cercando i suoi angoli più colorati, potete ammirare anche alcuni edifici storici come la St. Multose Church, Desmond Castle e The Courthouse.

Tutti giorni partono dall’ufficio del turismo i tour alla scoperta di Kinsale e della sua storia, naturalmente in english.

The Old Head of Kinsale

Avevo in programma di recarmi qui, ma il tempo sfavorevole non ce l’ha permesso..o meglio, non avremmo visto il panorama come avrei voluto. Se potete però non lasciatevelo scappare.

Questo punto panoramico si protende nel mare e si trova a 20 minuti d’auto dal centro città.

Lo scenario che si presenterà ai vostri occhi è il prodotto di millenni di tempeste e mareggiate.

Dovete recarvi nel punto più alto della penisola ed ammirare il panorama dalla torre di segnalazione restaurata recentemente. Lo sguardo spazierà fino al faro di Old Head, passando per i curati campi da golf  del resort ‘Golf Head Golf Links’. Questo è quello che avremmo voluto vedere.

Charles Fort

charles fort kinsale

Foto di Maite – Flickr, uso commerciale consentito

Si tratta di un’imponente fortezza a pianta stellare collocata poco a sud di Kinsale, vicino al piccolo paesino di Summer Cove.

E’ una fortificazione militare nata alla fine del 1600 su un sito precedente, costruito durante l’assedio di Kinsale del 1601, dove irlandesi e spagnoli si trovarono fianco a fianco a combattere gli inglesi, la cui forza ed egemonia stava diventando sempre più pericolosa.

E’ un forte con struttura moderna, progettato per resistere agli attacchi di cannone.

Trovandosi sulla costa, offre una splendida vista con il cielo sereno, cosa rara, ma non impossibile.

dove dormire a Kinsale

Noi siamo stati al Woodlands House, un b&b con ottime recensioni appena fuori Kinsale.

Camera grande e luminosa, posizione tranquilla. Prezzo per 3 persone con full Irish breakfast € 120,00 per notte.

Prenotazione avvenuta tramite mail alla struttura e garanzia con carta di credito.

In alternativa ricordo che Booking.com dà la possibilità di prenotare con disdetta gratuita fino a pochi giorni prima.

dove mangiare a Kinsale

Ci siamo recati per due sere al Jim Edwards, in centro a Kinsale. Prezzi sui 15€ a persona, carne buona e porzioni abbondanti.

Cosa vedere nei dintorni di Kinsale – escursioni in giornata

A breve distanza da Kinsale si trova Cobh, un paese più grande di Kinsale, ma sicuramente meno affascinante. Allora, direte voi, perchè recarcisi? Ma per visitare il Titanic Experience!

cobh ireland titanic museum

Non tutti sanno, io compresa prima di questo viaggio, che 123 passeggeri del grande transatlantico salirono proprio dal porto di Cobh e che sempre Cobh fu l’ultimo porto ad essere chiamato dal Titanic in data 11 aprile 1912, prima del disastro che tutti conosciamo.

Il museo si trova proprio nella sede originaria della biglietteria della White Star Line, la compagnia britannica proprietaria della nave.

Durante il tour, si ripercorrerà la storia del transatlantico, dei passeggeri irlandesi saliti a bordo e delle celebrità ospitate. Si spiegherà perchè il Titanic fosse l’orgoglio della White Star Line, si analizzeranno anche le motivazioni del disastro ed il luogo dove tutt’ora giace il relitto.

Secondo me una bella esperienza da fare con tutta la famiglia.

Maggiori informazioni sul loro sito –>www.titanicexperiencecobh.ie

Già che ci siete fate un giro per il paese, che si disloca in altezza. A fianco del museo c’è una bella piazza che, con il sole dopo un giorno di pioggia, ci ha permesso di fare qualche bella foto sul mare.

E non perdete la vista di quelle casette colorate tutte in fila…su internet avevo visto un sacco di foto, ma digitando Cork…invece sono a Cobh…ed io non ho associato la cosa, così le ho fotografate solo dal retro…e non con la cattedrale alle spalle…peccato…l’insieme era di contrasto…

A circa mezz’ora d’auto da Kinsale, si trova Cork, terza città per grandezza dopo Dublino e Belfast.

Noi abbiamo deciso di ometterla dal viaggio, dopo diversi consigli ricevuti in loco, che la dipingevano come una città con ha un gran chè da offrire.

Però ci sono due attrazioni nei dintorni che secondo me possono meritare la visita.

Cork City Gaol

cork city gaol

Foto di Olivier Bruchez – Flickr, uso commerciale consentito

Sono le vecchie prigioni di Cork, aperte al pubblico come attrazione turistica dal 1993.

Hanno ospitato sia uomini che donne, rei di aver commesso crimini entro i confini cittadini.

Si possono ancora leggere i pensieri dei prigionieri lasciati sui muri del carcere. Dal 1923 il complesso non ha più recluso nessuno e, dopo alcuni anni di abbandono, divenne sede di Radio Eireann fino agli anni ’50.

Dopo un altro periodo di declino, fu ristrutturato in quello che oggi si può vedere.

Brochure anche in italiano e visite guidate in inglese.

Maggiori informazioni sul sito –>https://corkcitygaol.com/

Blarney Castle

Si trova ad 8 km dalla città di Cork ed è famoso in particolare per una pietra, la Blarney Stone. Secondo la leggenda, chi la bacia, rigorosamente a testa in giù e sporgendosi dal parapetto, riceve il dono dell’eloquenza.

Da cosa deriva questa tradizione?

Probabilmente dal fatto che la parola blarney fu introdotta nella lingua inglese da Elisabetta I, con il significato di fare un piacevole discorso, raggirando l’ascoltatore, senza però che quest’ultimo se ne accorga o si senta offeso.

I giardini del castello, tra i più visitati d’Irlanda, si estendono su 60 acri di terreno. Nonostante la bella giornata, abbiamo dovuto soprassedere, per riuscire a vedere il resto di quello che avevo programmato, che ci portava, nel tardo pomeriggio, alla visita delle famose Cliffs of Moher, di cui vi parlerò nel prossimo articolo.

Se avete tempo però ve ne consiglio la visita, perchè sono notevoli.

Citando la brochure, ‘potrete visitare il preistorico Fern Garden, il letale Poison Garden, ed la magica Rock Stone con gli antichi ‘yes trees’ e le pietre druidiche (probabilmente il significato è sanguinarie, per i sacrifici offerti dal popolo dei druidi).

Esprimete un desiderio sul ‘wishing steps’, mentre costeggiate le cascate, passeggiate intorno a lago, lungo il fiume, nel bosco e arboretums. Il giardino è in costante cambiamento ed ogni visita sarà una nuova esperienza.’

Beh, io mi sarei convinta e voi?

Bantry House

A lungo ho desiderato di visitare questa favolosa dimora, che cito alla fine dell’articolo solo per dar ordine alle attrazioni in termine di distanza da Kinsale.

Purtroppo l’abbiamo vista durante la giornata più brutta di tutta la vacanza ma, nonostante questo, la pioggia ci ha concesso 20 minuti di tregua mentre ne visitavamo i giardini, dandoci la possibilità di un assaggio della fantastica vista che offrono sulla Bantry Bay.

 

bantry house ireland

La proprietà dista circa un’ora da Kinsale ed è possibile raggiungerla percorrendo la Wild Atlantic Way, sulla quale rotta anch’essa si trova.

Un po’ di storia

Richard White nel 1765 compra Bantry House, poi chiamata Blackrock House. Suo figlio nel 1796, durante l’invasione francese, ricevette il titolo di Barone di Bantry che, nel corso degli anni, divenne Visconte ed infine Conte.

La dimora in stile georgiano, è davvero splendida, con grandi finestre che danno sul giardino terrazzato oppure sulla baia.

Degli interni spiccano in bellezza, la grande libreria, la Rose Drawing Room e la Dining Room, con le sue pareti azzurro intenso.

Il colore rosa antico dei muri esterni a mio avviso le dona eleganza e la distingue dalle altre residenze o castelli irlandesi, spesso in pietra e quindi grigi.

L’accostamento tra il rosa dell’edificio ed il verde del giardino, specie nei giorni di sole è splendido.

Ecco, i giardini sono davvero meravigliosi.

La parte più bassa, proprio di fronte alla grande porta-finestra, sono all’italiana, con splendidi glicini posti in maniera circolare intorno alla fontana, creando una bella galleria, molto romantica durante il periodo di fioritura.

Salendo i 100 gradini, che conducono alle 7 terrazze, piano piano avrete una vista d’insieme prima su Bantry House, successivamente sui giardini e sulla baia. E’ davvero meraviglioso, e noi l’abbiamo vista con il cielo coperto!

bantry house ireland

Sull’altro lato della casa invece troverete un grande prato con 14 aiuole fiorite. Spingendovi al parapetto della terrazza vedrete il mare e la baia. Insomma, qui a Bantry House ovunque vi voltiate vedrete una paesaggio meraviglioso!

La dimora è tutt’ora di proprietà dei discendenti del Conte Richard White, anche se il titolo è decaduto.

Secondo la tradizione inglese, i titoli possono essere trasferiti solo ai figli maschi. Il maggiore e solo lui succede al titolo. In mancanza, può essere tramandato ad un fratello, che riceve titolo e proprietà.

In mancanza di figli e fratelli maschi, la proprietà, ma non il titolo, passa alla sorella maggiore.

In questo caso, l’attuale proprietario è discendente diretto del 3rd Conte di Bantry e non del 4th, che non ebbe figli.

Dal 1980 Bantry House è anche bed & breakfast ed offre 6 eleganti camere con vista sul giardino. Una location da sogno per ricorrenze o semplicemente per una vacanza in uno scenario perfetto.

Qui il link per la prenotazione –>www.bantryhouse.com/accommodation

Tutte le informazioni per la visita della residenza, potete trovarle sul sito –>www.bantryhouse.com

 

E così si conclude la nostra visita nel sud dell’Irlanda.

Abbiamo tralasciato tantissime cose, come il Ring of Kerry, il Ring of Dingle, alcune delle isolette più suggestive del sud-ovest dell’isola, Mizen Head, l’abitato di Skibbereen e Killarney, per non parlare di ciò che offre la parte est dell’isola come Kilmore Quay, con i suoi cottage dal tetto in paglia, Ballyhack e Passage East, passando per la cittadina di Waterford. Insomma ce ne sarebbe per rimanere almeno un’altra settimana. Tengo tutto ciò nel cassetto de ‘Il mio prossimo viaggio’ 😉

Irlanda del Sud, come arrivare

L’aeroporto più comodo è quello di Cork, servito dalla low cost irlandese Ryanair, che la collega a Bergamo Orio al Serio.

In alternativa, si vola su Shannon, nella Clare Co., che è collegata sempre da Ryanair con Roma Fiumicino. Dista circa due ore d’auto da Cork.

Infine si può atterrare a Dublino, volando sia con Ryanair da tutti i maggiori aeroporti italiani, che con Air Lingus, da Milano, Bologna, Pisa, Napoli e Catania. Dista poco meno di 3h da Cork.

Mappa itinerario nel sud dell’Irlanda

Link utili alla programmazione del viaggio

Welcome to Kinsale

Visit Cork County

Wild Atlantic Way, explore the route

 

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *