Beaune, cosa vedere nella città dell’Hotel-Dieu

Mi sono fermata a Beaune di ritorno dal nostro viaggio in Normandia.

Cercavo un luogo che offrisse qualcosa di diverso, per cui valesse la pena fermarsi.
Studiando un po’ cosa vedere a Beaune ho scoperto il suo Hôtel Dieu, un antico ospedale rimasto in funzione per ben 500 anni!

La sua particolarità sta nelle maioliche policrome che ne ricoprono i tetti. Così ho deciso di fermarmi qui e visitare anche il resto di questa graziosa cittadina immersa tra i vigneti della Borgogna.

Beaune, cosa vedere – Hôtel Dieu des Hospices Civils

beaune cosa vedere hotel dieu

L’ospedale, costruito tra il 1443 ed il 1452, è stato fortemente voluto da un nobiluomo, Nicolas Rolin, cancelliere del Duca di Borgogna, e dalla sua giovane moglie Guigone de Salins. Era destinato ai poveri ed ai bisognosi, insomma a coloro che non avrebbero potuto curarsi da soli.

Entrambi i coniugi impiegarono gran parte della loro vita in questa missione, cercando sempre di utilizzare i prodotti migliori e tramandando ai loro successori l’amore per l’altruismo.
L’ospedale è classificato come Monumento Storico dal 1862, e non ha mai fallito nella missione di diffusione dei suoi principi come la carità, la bontà e la cura degli indigenti, ed è rimasto attivo fino al 1971.

Ciò è stato possibile grazie ad una comunità di personale infermieristico cresciuto sulla base di quei valori e che tuttora lavora presso un nuovo ospedale.
Grazie alle donazioni nel corso dei secoli, è ora presente un vigneto. Il suo pregiato vino, in vendita anche presso la struttura, aiuta ancora oggi il mantenimento questo meraviglioso esempio di architettura tardo-gotica.

La corte interna permette una splendida veduta sui tetti arcobaleno dell’edificio, specie nella tarda mattinata, quando il sole, quasi perpendicolare, rende i colori caldi ed intensi.
L’ospedale conteneva una trentina di letti, divisi gli uni dagli altri da paratie e tende pesanti. Era garantita una privacy di base diciamo, più che nei nostri ospedali odierni!

I locali all’interno del palazzo sono diversi e tutti conservati come un tempo. Troverete la cucina, la farmacia, il laboratorio per la preparazione delle medicine e la cappella. È possibile vedere come vestivano le infermiere nei secoli passati e, grazie ad un’audio-guida anche in italiano, vi verrà spiegato tutto nei minimi particolari.

Chiaramente se mi chiedete a Beaune, cosa vedere, l’Hospices des Civiles è un must imprescindibile.
Però non fermatevi a questo e visitate la città, che ho trovato molto vivace e meta di un turismo di lusso. I vini pregiati e le tante cantine presenti richiamano intenditori non solo da tutta Europa, ma da tutto il mondo.

In ogni caso, tra le cose da vedere a Beaune vi segnalo:

  • Beffroi, torre dell’orologio e monumento storico. Alta sei piani, rettangolare è molto bella quando è illuminata durante il periodo estivo. Le fondamenta risalgono al XII secolo, ma la parte superiore è probabilmente del XIV sec. Il primo documento in cui se ne parla è del 1395.
  • Basilica Collegiata di Notre Dame, risalente al XII secolo, meta di pellegrini e cavalieri che da qui passavano per raggiungere poi Gerusalemme. Al suo interno, arazzi del XV secolo;
  • Cappella di St Étienne
  • Il Museo del vino all’interno dell’ Hôtel de Ducs (monumento storico). Chiaramente tratta della storia relativa alla coltura della vite e alla successiva produzione di vino. Inoltre rende omaggio a tutti coloro che nei secoli si sono impegnati perchè questo prodotto pregiato e questo patrimonio anche culturale giungesse fino a noi. Degustazioni ed intrattenimenti per le famiglie. Per maggiori informazioni: Musée du Vin de Bourgogne
  • Porte Marié de Bourgogne

Per ulteriori informazioni su Beaune e la splendida Borgogna, vi rimando ai siti istituzionali:

Beaune Tourism Office

Bourgogne Tourism Office

Hai più tempo a disposizione? Non sei lontano dalla coloratissima Alsazia!

Leggi i miei consigli su cosa non perdere:

Alsazia: cosa vedere e quali sono i 5 paesi più belli

2 Comments

  1. Anna ha detto:

    Molto interessante la storia di questo ospedale! Io sono tra quelli che non lo conoscevano affatto!

Rispondi a Laura Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Translate »