Folegandros, isole Cicladi. Dove il mare è più blu

Folegandros, si trova nelle Cicladi, l’arcipelago greco più famoso ed affascinante.

Di lei ho apprezzato le dimensioni ridotte, il turismo discreto e le sue spiagge selvagge, bagnate da un mare dalle mille tonalità del blu.

Folegandros è un’isola piccola, ad appena 45 minuti di aliscafo da Santorini.
Le sue spiagge sono una manciata, molte si raggiungono tramite sentieri impervi o in barca, alcune comodamente in auto o tramite il bus locale.
Sono di sabbia e sassi, oppure tutte di sassi, il mare è profondo quasi subito ed assicura un ottimo snorkeling.
E’ un’isola per chi ama il mare, il sole ed il buon cibo greco, gustato in una delle tante taverne della Chora. Pochi sono invece i locali per il dopo cena.

La vita scorre lenta, perchè qui si assapora ogni singolo minuto della giornata al massimo, riempendosi gli occhi ed il cuore di colori accesi e panorami mozzafiato, che cambiano a seconda della luce del giorno.

Folegandros, le sue spiagge

Angali o Agali è sicuramente la più famosa.
In sua corrispondenza sono sorti alcuni appartamenti e ci sono anche 2/3 taverne con una splendida vista sul mare.

La spiaggia è misto ghiaia ed il mare è turchese. Il fondale diventa profondo quasi subito e lo snorkeling è buono.
E’ facile da raggiungere sia in auto che con il bus, che parte dalla Chora circa ogni ora.
Da Angali partono due sentieri: uno alla sua sinistra (guardando il mare) che porta alla piccola spiaggetta di sassi di Fira, ed uno a destra che porta in altre due splendide baie.
La prima è Galifos, racchiusa tra gli scogli, meravigliosa per lo snorkeling, con acqua color smeraldo

e grandi sassi levigati (si raggiunge in meno di 10 minuti di cammino). Qui è permesso campeggio e nudismo.
La seconda è Aghios Nikolaos (circa 25/30 minuti), più grande, di sabbia grossa e sassi, anch’essa fantastica, con alcuni scogli in acqua che creano una bella piscinetta naturale color acquamarina.

Foto tratta dal sito folegandros-travel.gr

Se decidete di rimanere a pranzo, ci sono due taverne, una sulla spiaggia e l’altra in posizione panoramica. Quest’ultima è una delle più famose dell’isola, si chiama Papalagi. Personalmente posso dire che non sono rimasta particolarmente entusiasta del fritto di pesce che abbiamo mangiato. Diciamo che, essendo un nome, se ne approfittano. Per la posizione, merita indubbiamente.
Il sentiero che conduce ad Aghios Nikolaos è fattibile anche con bambini relativamente piccoli (4/5 anni). sarebbe meglio munirsi di scarpe da ginnastica, perchè il terreno è franoso ed in un punto molto esposto sugli scogli. Noi, come quasi tutti, avevamo le infradito. E’ assolutamente fattibile, ma bisogna prestare molta attenzione.
In alternativa, al costo di 5 eur a persona (i bimbi in genere non pagano) si può prendere la barca che in 5 minuti da Angali vi porta direttamente là.
Oltre Aghios Nikolaos, raggiungibile in barca o con un sentiero nell’entroterra che personalmente non farei, si trova la bella Livadaki.

Purtroppo, a causa del cambiamento del vento, che ha mosso e sporcato il mare, non ci siamo potuti andare, ma dicono sia molto bella, sempre di sassi chiari di medie e grosse dimensioni.
Il costo è di 9 eur a persona a/r.
Vi consiglio invece di recarvi nel nord di Folegandros, sia per passare il piccolissimo paese di Ano Merìa, sia per vederne le sue spiagge, sempre belle, ma meno frequentate delle altre.

Abbandonando la strada principale e seguendo le indicazioni, si percorrerà uno sterrato in discrete condizioni (noi eravamo in macchina…c’era chi lo faceva a piedi, ma non lo consiglio, soprattutto con bambini) di 1 km, forse poco più, che vi porterà a due spiagge.
La prima, Ligaria è una piccola cala di sabbia grossa e sassi, con il mare color smeraldo. L’ho trovata molto simile a Galifos. Buono lo snorkeling ed il fondale digrada velocemente.

Poco più avanti, raggiungibile anche a piedi, troverete la più famosa Aghios Georgios, più grande, sempre di sabbia mista a sassi.

Noi abbiamo preferito Ligaria, perchè più riparata, ma anche per il fatto che ad Aghios Georgios c’erano parecchie alghe.

Il mare è comunque bello e trasparente e lo scenario molto ‘greco’ con la chiesetta sulla spiaggia e le rimesse per le barche.
Mi raccomando, fate sempre attenzione al vento, perchè se il mare dovesse essere troppo mosso, non vi godrete nè i colori del mare, nè sarà possibile fare una bella nuotata, cosa che a Folegandros è praticabile ovunque, proprio per i fondali digradanti e per le baie riparate.
Le spiagge nella zona del porto sono varie, alcune non mi hanno detto un granchè, come Livadi, altre, piccolissime baie, sono molto piacevoli, con il mare pulito e pieno di pesce e l’acqua azzurra.
Sembra non risentano per nulla della vicinanza al porto.

Queste spiagge sono le più accessibili e sono di ghiaia, mentre il fondale del mare è formato da sassi più grossi e digrada sempre velocemente.
Ma ora parliamo della regina delle spiagge di Folegandros, Katergo, per molti la più bella.
Devo ammettere che anche io ne sono rimasta incantata.
Ci si arriva con il battello che parte dal porto al costo di € 9,00 a testa a/r. Mio figlio di 10 anni non ha pagato, anche se l’impiegata dell’agenzia turistica in Chora mi aveva detto che pagano al 50%. Verificherete in loco.
Durante il tragitto vi faranno visitare anche una piccola grotta dove, se tornerete con barca privata, potrete fare dell’ottimo snorkeling.

La barca vi lascerà direttamente sulla spiaggia. La giornata nel nostro caso era variabile, con alcune nuvole che a volte coprivano il sole. Nonostante tutto, i colori di questa spiaggia ed il suo mare sono davvero particolari. A riva la sabbia sembra d’argento mentre il mare, nuotando verso l’isoletta al centro della baia, è blu intenso, di una trasparenza incredibile. Mi sono goduta al massimo i bagni in questo posto idilliaco, che mi ha davvero incantato.
Katergo si può raggiungere anche a piedi dal paesino di Livadi in circa 30 minuti, ma fate attenzione perchè il terreno è franoso e le pendenze notevoli. Servono scarpe da ginnastica.
Ci sono altre spiagge a Folegandros, che noi purtroppo non abbiamo visto.
Bella è Vorina, che si raggiunge con un sentiero che parte dalla strada principale, tra la Chora ed Angali, più o meno in corrispondenza dei mulini a vento. Oppure potete arrivarvi in barca.

Anche Ambeli merita. Il sentiero parte sulla sx della strada principale, dopo aver passato Ano Merìa.

Un’ultima considerazione su Folegandros e le sue spiagge.
La maggior parte sono con poco o senza vegetazione, non ci sono punti di ristoro o spiagge attrezzate. Quindi munitevi di acqua ed ombrellone.
Se decidete di utilizzare i sentieri, tenete presente che le pendenze sono notevoli e non c’è ombra. Il sole nelle Cicladi è molto caldo.
In alcune spiagge sono permessi nudismo e campeggio e sono sempre segnalati. In linea di massima comunque, il nudismo è praticato in tutte le spiagge più defilate.
Folegandros è un’isola per gli amanti del mare e del sole. La Chora è il punto di ritrovo serale. L’isola è talmente piccola che a fine vacanza i volti delle persone ormai vi saranno tutti noti.

Folegandros, cosa vedere oltre alle spiagge

Nella Chora ho lasciato un pezzetto del mio cuore. E’ così graziosa, con le sue taverne, le viuzze strette, le chiesette bianche ed i suoi gatti, quest’ultimi caratteristica comune un po’ a tutta la Grecia.

Immancabile la salita al tramonto alla Panaghia, che con il suo bianco profilo domina praticamente tutta l’isola. Che vista sorprendente da lassù, e che colori…una favola…

Ano Merìa, così come Karavostasis ossia il porto, sono dei piccoli agglomerati di case e hotel in parte lussuosi, con qualche taverna e la tipica chiesa. Null’altro.
Anche Angali è località di villeggiatura, con appartamenti, taverne e qualche bar.
Vi è un’unica strada principale, che collega il porto, passando per la Chora, fino ad Ano Merìa, ed è in buono stato.

dove dormire a Folegandros

Abbiamo prenotato tramite GreciaMia un piccolo studio per 3 persone (ma eravamo un po’ stretti) al Kyma Sto Phos, a pochi passi dal centro della Chora e siamo stati benissimo. Un posto con una vista straordinaria sul tramonto, un luogo silenzioso e curato, ed il proprietario, Dimitri, molto disponibile e presente. Quotazione: € 80,00 a notte ad agosto ed € 65,00 a settembre. Lo ritengo un ottimo compromesso, con un prezzo accessibile, bell’ambiente, tramonti da sogno e comodità al centro.

Potete contattarlo direttamente anche tramite

il suo sito: Kyma Sto Phos
Altre sistemazioni in buona posizione sono il Fata Morgana, praticamente al nostro fianco, e dall’altra parte del paese i Folegandros Apartments ed il bellissimo Anemomilos, con vista stupenda sulla Panaghia e sul mare. Chiaramente i prezzi sono molto diversi da quello che abbiamo speso noi, soprattutto all’Anemomilos, che è la struttura secondo me più bella dell’isola.
Nella Chora, comunque ci sono sistemazioni per tutte le tasche e tutte molto carine. Noi abbiamo prenotato in anticipo, ma in bassa stagione secondo me non dovreste avere problemi a trovar posto anche in loco.

Folegandros, dove mangiare

Ovunque!
Abbiamo cambiato taverna ogni sera, spendendo in 3 tra i 30 ed i 40 eur complessivi ed abbiamo sempre mangiato bene.
Comunque noi siamo stati al Restaurant Chic, al Melissa, al Kritikos, al Pounta ed al Souvlaki Club.
Tutti consigliati.
Una sera ci siamo ‘permessi’ il pesce ed abbiamo speso circa 30 eur a testa alla taverna Chrisospilia, consigliata da Dimitri. Si può scegliere tra il pescato del giorno. Era tutto molto buono.
Allo stesso tempo ci ha consigliato anche le taverne di Angali, al limite della scalinata che porta a Galifos, mentre ha sconsigliato quelle del porto perchè troppo care.
Assaggiate il liquore locale, il Rakomelo. E’ come il Raki, ma caldo e con l’aggiunta di miele.

Come raggiungere Folegandros da Santorini

L’isola non ha un aeroporto. Quello più vicino è a Santorini, che si può raggiungere con voli della compagnia Easyjet o charter come la Neos. Dal porto partono gli aliscafi della Seajets che in 45 minuti collegano le due isole. Purtroppo sono spesso in ritardo e le corse possono subire cambiamenti d’orario.

Consultate il loro sito prima di partire o telefonate. L’unica mail che ho mandato è passata inosservata.
Potete tener monitorato le corse dei vari aliscafi o traghetti anche con l’utilissimo sito www.shiptracking.eu, che vi fornisce la loro posizione in tempo reale.
In alternativa si può volare su Atene e prendere l’aliscafo dal Pireo, che però dista 4 ore di navigazione. Ryanair raggiunge la capitale greca da Orio al Serio e Roma Ciampino.

Come muoversi a Folegandros

In loco conviene il noleggio di un mezzo di trasporto. Noi abbiamo optato per l’auto che, tramite Tomaso Rental Car ci è costata € 40,00 al giorno. Purtroppo in Grecia il noleggio è caro.
Molti noleggiano quad. In 2 è sicuramente più vantaggioso.

Oltre a Tomaso c’è anche il noleggio Evo. Non l’ho consultato, potete provare a vedere se è più conveniente dell’altro.
Per chi si volesse spostare in autobus, quest’anno (2015) gli orari erano questi:

Infine, per chi volesse organizzare il viaggio con agenzie locali vi lascio i seguenti link:

Sottovento, gestito da italiani, noleggia anche barche per escursioni fai da te.
Folegandros Travel, lo trovate sia in Chora che al porto
Diaplous Travel, lo trovate sia in Chora che al porto

 

 

 

Costo della nostra vacanza a Folegandros (per 3 persone):

€ 440,00 volo easyjet solo bagaglio a mano ed assicurazione annullamento;
€ 220,00 aliscafo Seajets
€ 560,00 soggiorno
€ 240,00 noleggio auto
€ 400,00 pasti ed extra in generale

1 Comment

  1. Serena Borghesi ha detto:

    Bellissimo questo racconto. La Grecia ha davvero posti incantevoli ed è un peccato fermarsi sempre sulle solite isole senza andare alla ricerca del suo spirito più autentico. Grazie per tutti i dettagli utilissimi !

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Translate »