Viareggio, oltre la spiaggia c’è molto altro!

Viareggio, oltre la spiaggia c’è molto altro!

Sono stata diverse volte a Viareggio, ma non ho mai pensato di parlarne sul mio blog.
Forse perché l’ho sempre vista unicamente come una località balneare o forse semplicemente perché non mi è mai passata per la mente l’idea.
Durante uno degli ultimi week end di bel tempo del mese di settembre sono tornata a Viareggio con una coppia di amici.
Finalmente ho trovato l’occasione per conoscerla e scoprirla davvero.
Viareggio, la spiaggia – Foto tratta dal sito tuscanyiloveyou.com
La cittadina si estende per circa 3 km lungo la costa e ad entrambi i suoi lati si estendono bellissime pinete, dove gli abitanti del posto amano correre, andare in bicicletta (diverse sono le piste ciclabili sia dentro che fuori i parchi) e non disdegnano nemmeno farvi qualche pic-nic.
Ma Viareggio è famosa principalmente per le sue spiagge, larghe, di sabbia fine ed attrezzate. Molto apprezzata da stranieri, che a partire da Pasqua cominciano ad affluire, è amatissima anche da noi italiani, a partire da personaggi famosi.
Non si può mancare di passeggiare lungo il bel viale che costeggia il mare e che porta fino al Canale della Burlacca (a sud).
Qui potrete sbizzarrirvi nello shopping. Principalmente troverete negozi di abbigliamento, calzature e borse di note marche, spesso di lusso, ma non mancano anche i negozi diciamo da prezzo, dove la maggior parte di noi può comprare senza dilapidare uno stipendio.
C’è un’ampia scelta anche per chi cerca solo un bar o caffè per un aperitivo o due chiacchere tra amici. Il più rinomato è sicuramente il ‘GranCaffè Margherita’, il cui edificio in stile Liberty dona ancora più eleganza alla zona.
Lungomare – Foto tratta dal sito versiliavacanze.com
E parlando di questo stile (che è gemello a quello francese dell’Art Nouveau), tantissimi sono gli edifici costruiti con i sui crismi, a partire dai Villini Tomei Gori Caprotti (inserito nell’itinerario Architetture Moderniste dal Comune) , Flora e Nistri (con foggia arabeggiante), tutti dei primi del Novecento, per finire con lo splendido Grand Hotel Principe di Piemonte, ottima soluzione anche per gustarsi un aperitivo al tramonto sulla sua terrazza.
Come si intuisce, Viareggio è ed era località mondana già oltre un secolo fa, quando personaggio del calibro di Puccini, Byron, Manzoni e D’Annunzio prendevano posto negli eleganti caffè e cercavano ispirazione guardando il mare.
Rimanendo sempre in tema di cultura e storia, la Torre Matilde è l’edificio più antico della città, in quanto risale al XVI secolo. Si trova in Piazza Mazzini e fu costruita dai Lucchesi a difesa delle incursioni via mare. Al suo interno attualmente è ospitata la Pinacoteca  Lorenzo Viani.
Villa Paolina invece ospita i Musei Civici; in particolare troverete reperti archeologici  e collezioni d’arte contemporanea.
In ultimo, vi consiglio la visita a Villa Borbone, dove, oltre ad ammirare i bei giardini, potrete eventualmente partecipare agli eventi che vengono organizzati durante la stagione estiva.
Come potete leggere, Viareggio offre ben più che un semplice bagno in mare. Storia e cultura riempiono i suoi viali, senza parlare del coloratissimo Carnevale, secondo in Europa per importanza. Ma di questo ne ho già parlato qui.
Viareggio è una meta che si può visitare anche in giornata, ma io consiglio, se potete, di fermarvi qualche giorno, in modo da visitarne anche i dintorni.

1 Comment

  1. Berenice ha detto:

    Condivido che Viareggio merita una permanenza anche per i dintorni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Translate »