Ti piace la montagna d'inverno? Leggi anche:

La Valle Isarco si trova in Alto Adige, partendo da Bolzano ed arrivando fino al Brennero.

Si estende in lunghezza, attraversata dal fiume che le dà il nome e dall’autostrada del Brennero.

Non è semplice parlare di cosa vedere in Valle Isarco, perchè ci sarebbe da scrivere un libro!

Qui mi limiterò a parlare dei suoi paesi più belli e caratteristici, più o meno noti, più o meno turistici.

Sono appena tornata da 3 giorni in Valle Isarco, visitando i paesi di Chiusa, Bressanone, Barbiano, Velturno e Villandro,  con base a Gudon e facendo anche una breve deviazione per la Val di Funes, sempre magica.

Ecco i miei consigli e le mie impressioni.

Valle Isarco, cosa vedere

Chiusa/Klausen

Questo paese è un piccolo gioiello. Si raggiunge comodamente dall’autostrada tramite l’uscita dedicata ed è uno dei ‘Borghi più belli d’Italia’. Si trova ai piedi del Monte Sabiona, sul quale si erge austero il monastero omonimo.

Le mura delle eleganti case del centro, un tempo dimora delle famiglie borghesi, fanno da cornice ad una piacevole passeggiata, con le loro pareti colorate e le classiche architetture degli antichi centri storici alto-atesini.

Camminare con il naso all’insù è un vero piacere per gli occhi, per le tante insegne in ferro battuto ancora presenti.

Chiusa si disloca tutta in lunghezza, affiancata dal corso del fiume Isarco. Oltre la piazza del mercato, dove è possibile parcheggiare a pagamento (€0.50 all’ora), all’interno del centro, completamente pedonale, ci sono altre due piazze molto graziose: Pfarrplatz e Tinneplatz.

Durante l’Avvento, è allestito un delizioso mercatino di Natale, con chioschi in legno nelle suddette piazze, in via dei Conciatori ed in via Isarco. Camminando per la via principale però troverete alcuni mercatini allestiti all’interno delle antiche abitazioni, a piano terra. Questi forse sono ancora più belli.

valle isarco cosa vedere

Dal paese, parte il sentiero che vi porterà al Monastero di Sabiona (circa 35 minuti di cammino).

Specie d’estate, il percorso è molto gradevole, in mezzo a frutteti e con vedute davvero suggestive.

L’area del monastero, riservata alle suore di clausura, non è visitabile. Lo sono invece le chiese, tra cui vi consiglio di non mancare la visita a quella di Santa Croce. I suoi dipinti tridimensionali sono meravigliosi!

Barbiano

Tra le cose da vedere in Valle Isarco, Barbiano non può mancare.

Si trova a 18 km da Chiusa ed è famoso per il campanile pendente della chiesa di S. Giacobbe.

Risalente al XIV secolo, ci si accorse solo in corso d’opera che la base della torre, appoggiando per metà su roccia e metà su terra, provocava una pendenza che oggi è di un metro e mezzo.

dreikirchen barbian

Copyright: Associazione Turistica Barbiano

Oltre a ciò, a Barbiano meritano una visita le Tre Chiese. Si tratta di tre chiesette in legno, tanto particolari da diventare il simbolo del villaggio.

Raggiungibili tramite un sentiero in circa 30 minuti dal paese, durante la stagione invernale sono chiuse, perchè gestite dall’agriturismo presente alle loro spalle.

Visto la neve ci hanno sconsigliato di avventurarci ma, anche d’inverno è possibile vederle, anche solo da fuori.

Un comodo servizio taxi può accompagnarvi per parte del percorso.

Velturno

Questo piccolo paese si trova a soli 6km da Chiusa e si raggiunge comodamente in 10 minuti d’auto.

E’ famoso principalmente per il suo castello, Castel Velturno appunto.

Purtroppo è aperto solo dal 15 marzo al 15 novembre e quindi non abbiamo potuto visitarlo.

Il maniero risale al XVI secolo ed era proprietà dei principi vescovi di Bressanone, i quali lo utilizzavano come residenza estiva. Passato di mano in mano, dal 1979 appartiene all’Alto-Adige.

Restaurato, si propone ai nostri occhi com’era in origine, diventando uno dei monumenti più importanti di tutta le regione.

Maggiori informazioni anche su costi e visite guidate direttamente sul sito del castello –>www.schlossvelthurns.it/it

Molto graziosa anche la parrocchia che, dall’alto del paese, si staglia sulle montagne e sui vigneti.

Villandro

Anche questo paese si trova a pochi km da Chiusa.

Di particolare ci sono le sue chiese, sempre romantiche e con panorami mozzafiato alla spalle, la sua alpe, una delle più belle dell’Alto-Adige sia in estate che in inverno, e le sue miniere, da dove venivano estratti minerali e metalli preziosi come l’argento.

La loro visita è possibile da aprile ai primi di novembre ma, con visite guidate individuali, anche tutto l’anno.

Tutte le informazioni le trovate su questa pagina —>bergwerk.it/fuehrungen-und-preise

Gudon

A soli 2km da Chiusa, questo pittoresco paesino montano è stato la base della nostra vacanza nella Valle Isarco. Si erge su sette colli e dal più alto si vedono, splendide, le Odle.

Infatti il paese si trova sulla strada che porta alla tranquilla Val di Funes, dalla quale non siamo riusciti a stare lontano. In soli 15 minuti si arriva alla meravigliosa chiesetta di San Giovanni in Ranui, perfettamente inserita tra la neve, il cielo azzurro ed il gruppo dolomitico più bello. Impossibile non trattenere il fiato!

Gudon merita una breve passeggiata, anche solo per vederne il Castello Summersberg (solo da fuori perchè privato) e la residenza Koburg e la pittoresca chiesa di San Martino.

Maggiori informazioni sul sito del paese–>www.gufidaun.com

Ponte Gardena

Cosa vedere nella Valle Isarco, se non i suoi bellissimi castelli? Uno di questi si trova a Ponte Gardena, a 10km da Chiusa. E’ il Castel Trotstburg.

Si raggiunge solo a piedi e qui trovate tutte le indicazioni: www.burgeninstitut.com/castel_trostburg_informazioni

Purtroppo durante la stagione invernale è chiuso. E’ un vero peccato perchè il turismo in Alto-Adige è sempre presente!

Castel Trostburg Ponte Gardena

La visita, solo guidata, consente di visitarne gli interni e permette di accedere anche al Museo dei Castelli Altoatesini, una mostra che raggruppa tutti i manieri di questa regione in scala.

Il castello, di cui si parla per la prima volta nel XII, deve il suo aspetto attuale a ristrutturazioni ed ampliamenti fatti nel corso dei secoli, in particolare fino al XVII secolo.

La sua posizione è splendida, lo si vede bene scendendo dalla strada per Barbiano.

Bressanone

Di questa meravigliosa ed elegante cittadina, nonchè dei suoi eventi natalizi, ho parlato approfonditamente qui:

https://www.viaggiareconlaura.com/italia/mercatini-bressanone-spettacolo-palazzo-vescovile-eventi-natale/

Vipiteno

E’ l’ultimo paese che si incontra prima del Brennero. Più piccolo di Bressanone, è decisamente una dei paesi più belli della Valle Isarco.

A circa 1000 metri di quota, è la città più alta dell’Alto-Adige ed uno dei borghi più belli d’Italia.

Sotto Natale è un vero e proprio incanto, adornata di luci e con il suo bel mercatino in Piazza Città, ma merita una visita durante tutto l’anno, per le tante iniziative che propone, come la discesa in slittino al chiaro di luna del prossimo 3 febbraio e le gite settimanali che la collegano all’Austria e Germania.

Le architetture eleganti dei palazzi del centro, così come l’alta torre, porta d’ingresso al suo cuore medievale, sono gli emblemi di questo paese, tra i più belli e caratteristici di tutto l’Alto-Adige.

dove dormire in Valle Isarco

Noi abbiamo scelto un agriturismo del Gallo Rosso, in splendida posizione panoramica sopra Gudon, il Feilerhof.

Appartamenti nuovi caldi e puliti a 10 minuti da Chiusa. Prezzo a notte per 3 persone durante il ponte dell’Immacolata € 65,00.

Durante la stagione invernale, in caso di nevicate, munitevi di catene anche se avete le gomme termiche. Ci sono parecchi tornanti per arrivare e, se le strade non sono state ancora pulite, rischiate di non riuscire a salire.

Cani, gatti e tante mucche faranno compagnia e divertire anche i vostri bambini, specie durante la bella stagione, grazie anche agli spazi presenti nei dintorni.

dove mangiare a Chiusa e dintorni

I ristoranti provati da noi:

Ristorante birreria Gassl Bräu, in centro a Chiusa.

Ottima birra di loro produzione, e buona cucina tirolese.

Prezzi medi.

Ristorante pizzeria Kelten Keller, sulla SS12, fra Chiusa e Barbiano.

Ottimi piatti tirolesi e prezzi medio-bassi.

Locale tradizionale, molto piacevole.

Belle pizze, ma non le abbiamo assaggiate.

Ristorante Turmwirt insignito del marchio Südtiroler Gasthaus, Gudon

Un posto raffinato, con piatti di qualità e prezzi un po’ superiori alla media.

L’edificio in cui si trova risale al XVII secolo e la famiglia Gasser gestisce la locanda da ben 5 generazioni.

Valle Isarco, come arrivare

Autostrada A22 del Brennero oppure tramite i treni delle ferrovie tedesche DB-ÖBB Eurocity, che collegano le città alto-atesine via Verona, con treni in partenza da Bologna e Venezia.

L’aeroporto più vicino è quello di Verona. Ryanair collega la città scaligera con Cagliari e Palermo, mentre Volotea viaggia su Verona da Bari, Brindisi, Alghero, Olbia, Catania, Palermo, Napoli e, nel periodo estivo, anche Lampedusa.

Si consiglia poi il noleggio di un mezzo.

Io mi affido sempre a Rentalcars.com, oppure Autoclickrentalcar.it

 

 

 

 

2 Comments

  1. Anna ha detto:

    Che fascino il castello di Ponte Gardena! Sono luoghi che non frequento spesso, ma devo iniziare a considerarli!

    • Laura ha detto:

      Tra l’altro forse tu li raggiungi in meno tempo che noi emiliani…sì sono luoghi carichi di tradizione e fascino…te li consiglio 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Translate »